Calendario delle scadenze previdenziali 2018: tutte le date da ricordare

Adempimenti previdenziali, ma non solo: mese dopo mese, un pratico calendario in costante aggiornamento con tutte le scadenze 2017/2018 da non dimenticare

 

16 gennaio 2018 - Autonomi agricoli, scade la quarta rata 2017

Ennesimo appuntamento con l’Inps per i lavoratori autonomi del settore agricolo (coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali). Martedì 16 scade il termine per il versamento della quarta ed ultima rata della contribuzione previdenziale dovuta per l’anno 2017.  Gli estremi per il pagamento dei contributi, mediante modelli F24 sono disponibili sul sito Web dell’ente, nel “Cassetto Previdenziale per Autonomi Agricoli”. 

 

10 gennaio 2018 - Contributi colf per il trimestre luglio-settembre 

Appuntamento alla cassa dell’Inps per i datori di lavoro domestico che, entro mercoledì 10 gennaio, dovranno pagare i contributi relativi al trimestre aprile-giugno. Per semplificare l'adempimento, l ente di previdenza ha puntato sulla rete telematica; la contribuzione può dunque essere versata secondo le seguenti modalità: 1) rivolgendosi ai soggetti aderenti al circuito “Reti Amiche” ( i tabaccai che espongono il logo  “Servizi INPS”);  2) gli sportelli bancari di Unicredit;  3) online sul sito Internet (www.inps.it),  utilizzando la carta di credito;  4) telefonando al numero verde gratuito 803.164; 5) con il bollettino Mav (Pagamento mediante avviso). 

Va ricordato, infine, che i contributi pagati per la colf, entro il limite massimo di 1.549,37 euro, possono essere portati in deduzione ai fini Irpef.

 

31 dicembre 2017 - Scadenza delle richieste per il bonus asili nido

Termine ultimo per le richieste del bonus asili nido per i nati nel 2017. Il bonus spetta in due situazioni, cioè a sostegno del pagamento delle rette di asili nido o dell'introduzione di forme di supporto presso la propria abitazione a favore dei bambini affetti da gravi patologie croniche. Nell'uno e nell'altro caso, l'importo è lo stesso: mille euro annui. Se dovuto per gli asili nido, sarà erogato mensilmente dall'Inps (euro 90,91) dietro presentazione da parte del richiedente della ricevuta di pagamento della retta alla struttura che ospita il bimbo. Quando dovuto per il supporto a casa, invece, sarà erogato una tantum su presentazione di un certificato medico.

 

31 dicembre 2017 – Contributi obbligatori per gli avvocati iscritti a Cassa Forense

Termine ultimo per il pagamento della seconda rata a saldo dei contributi obbligatori soggettivo e integrativo dovuti in autoliquidazione per l'anno 2016 (mod. 5/2017).

 

31 dicembre 2017 - Ultima chiamata per il versamento dei contributi volontari

Termine ultimo per il versamento dei contributi volontari relativo al terzo trimestre luglio-settembre 2017. Il pagamento dei contributi può avvenire in 3 modi diversi: 1) utilizzando il bollettino Mav (pagamento mediante avviso); 2) on line, sul sito internet www.inps.it; 3) telefonando al numero verde gratuito 803.164, utilizzando la carta di credito. In alternativa, è possibile versare i contributi presso le tabaccherie che espongono il logo “Servizi Inps”, aderenti al circuito “Reti Amiche” tramite Lottomatica, fornendo il proprio codice fiscale e il codice autorizzazione/prosecutore. 

 

30 dicembre 2017 – Biologi liberi professionisti e versamento dei contributi previdenziali

Termine per il pagamento della seconda rata a saldo dei contributi  previdenziali sul reddito dell’anno precedente (contributi “ a conguaglio”).

 

22 dicembre 2017 – Proroga per il versamento contributivo degli infermieri liberi professionisti

Per venire incontro alle richieste degli iscritti, l’Enpapi (ente previdenziale di categoria) ha comunicato che la scadenza del versamento del contributo dovuto a saldo per l'anno 2016 è stata prorogata al 22 dicembre 2017.

 

21 dicembre 2017 - Colf: arriva la tredicesima! 

L’attuale contratto collettivo di lavoro dice che il pagamento va fatto “in occasione del Natale e comunque entro il mese di dicembre”, indicativamente quindi nel periodo che intercorre tra il 13/14 e il 20/21 dicembre. Va pagata nella misura massima – pari ad una mensilità di salario - per le lavoratrici in servizio dall'1 gennaio al 31 dicembre dell’anno e, invece, in misura ridotta per le lavoratrici che hanno iniziato il rapporto di lavoro nel corso dell’anno, oppure hanno risolto il rapporto di lavoro prima della fine d’anno. In questi due ultimi casi la tredicesima va pagata in tanti dodicesimi dell’importo globale per quanti sono stati i mesi di lavoro; le frazioni di mese pari o superiori a 15 giorni valgono come mese intero.

 

20 dicembre 2017 - Pensionamento per il personale della scuola 

Termine finale per la presentazione, da parte del personale docente, educativo, Ata (amministrativo ausiliario) della scuola,  delle domande di cessazione con effetto dall'1 settembre 2018.

 

15 dicembre 2017 - Commercialisti liberi professionisti: attenzione alle scadenze! 

Termine per il pagamento alla propria Cassa di previdenza della  prima rata/rata unica eccedenze 2017.

 

30 novembre 2017 - Domanda di Ape sociale e pensionamento precoci 

Secondo tempo per l’accesso al pensionamento anticipato. I soggetti che raggiungono i previsti requisiti per accedere all’Ape sociale entro il 2017 e i cosiddetti “precoci”, che non hanno presentato domanda entro lo scorso 15 luglio, possono ora avanzare la richiesta entro il 30 novembre. A questo punto, occorrerà però fare i conti con le risorse messe a disposizione dalla Legge di Stabilità, e cioè 300 milioni di euro per l’Ape e 360 per la “quota 41”. Nell'elaborazione delle graduatoria, l'Inps darà priorità a coloro che prima maturano il requisito pensionistico, cioè coloro che sono più vicini all'età di vecchiaia, per l'Ape sociale, ovvero alla pensione anticipata, nel caso dei lavoratori precoci. E a parità di distanza, la graduatoria sarà ordinata in base a chi prima ha prodotto la domanda (che deve essere fatta esclusivamente via web).

 

30 novembre 2017 - Autonomi, all’Inps per il secondo acconto 

Appuntamento doppio con l’Inps a novembre per artigiani, commercianti e professionisti titolari di partita Iva iscritti alla Gestione Separata (i free-lance).  Dopo il versamento della terza quota del contributo minimale, il cui termine è in scadenza per il giorno 16 novembre, tocca  al  secondo acconto 2017 sulla quota di reddito eccedente, da pagare entro il giorno 30 dello stesso mese. In proposito, occorre tener conto che quest'anno, in seguito alla riforma Monti-Fornero, l’aliquota contributiva è salita rispettivamente al  23,55% (artigiani) e 23,64% (esercenti). Invariati invece il minimale di reddito (46.123) e il massimale (76.872). I soggetti che per l'anno 2016 hanno avuto un reddito superiore a 15.548 euro (minimale) devono ora versare una quota pari all’11,775 gli artigiani e 11,82%, i commercianti,  della differenza tra reddito d'impresa dichiarato (con Unico 2017) ed il «minimale» di 15.548 euro. L'aliquota sale rispettivamente al 12,275 e al 12,32%, per la quota di reddito 2016 compresa tra 46.124 euro e 76.872 euro. 

 

30 novembre 2017 - Richiesta pensionamento anticipato lavori usuranti

Il decreto interministeriale (Lavoro/Economia) del 20 settembre (in Gazzetta Ufficiale dal 3 ottobre) ha modificato i termini di presentazione delle richieste pensionamento anticipato degli addetti ad attività usuranti. Coloro che raggiungono i prescritti requisiti nell’arco dell’anno 2018 devono presentare domanda entro il 30 novembre. Al riguardo, occorre ricordare che la presentazione della domanda  oltre i termini,  in caso di accertamento positivo dei requisiti, prevede il differimento della decorrenza del trattamento pensionistico pari a: a)un mese, per un ritardo inferiore o pari ad un mese; b) due mesi, per un ritardo superiore ad un mese ed inferiore a tre mesi; c) tre mesi per un ritardo della presentazione pari o superiore a tre mesi.

 

16 novembre 2017 - Autonomi agricoli, scade la terza rata 2017

Ennesimo appuntamento con l’Inps per i lavoratori autonomi del settore agricolo (coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali). Giovedì 16 scade il termine per il versamento della terza rata della contribuzione previdenziale dovuta per l’anno in corso. Gli estremi per il pagamento dei contributi, mediante modelli F24, sono disponibili sul sito Web dell’Ente, nel “Cassetto Previdenziale per Autonomi Agricoli”. In proposito, va ricordato che per favorire  l’imprenditorialità giovanile, la Legge di Bilancio prevede uno sgravio a favore degli under 40, i quali  sono  esonerati dal versamento totale per un periodo massimo 36 mesi (tre anni). Decorsi i primi 36 mesi, l’esonero è riconosciuto per un periodo massimo di 12 mesi nel limite del 66% e per un periodo massimo di ulteriori 12 mesi nel limite del 50%. Nel maggio scorso l’Inps (circolare n.85/2017) ha sostenuto che il diritto allo sgravio va accertato, caso per caso, quando  il nucleo del coltivatore diretto sia composto, anche se con ruoli diversi, dai medesimi soggetti. Ma con una recente nota (circolare n.164 del 3 novembre), su conforme parere del Ministero del Lavoro, lo stesso Ente ha precisato che ai fini dello sconto “non rileva la circostanza” che, antecedentemente, il medesimo soggetto sia già stato iscritto in qualità di semplice collaboratore componente di un nucleo preesistente.

 

16 novembre 2017 -  Autonomi, l’Inps chiede il contributo minimo

Nuovo appuntamento alla cassa dell’Inps per i lavoratori autonomi. Giovedì 16 scade il termine per il versamento della terza rata del contributo minimo:

  • artigiani:  3.669  euro per i titolari e per i collaboratori di età superiore ai 21 anni (ridotto a 3.203 per i collaboratori di età inferiore ai 21 anni);
  • commercianti: 3.683 euro per i titolari e per i collaboratori di età superiore ai 21 anni (ridotto a 3.217 per i collaboratori con meno di 21 anni). 

 

31 ottobre 2017 - Pensionati e redditi da lavoro autonomo

Adempimento a carico dei pensionati che svolgono lavoro autonomo, i quali entro il 31 ottobre sono chiamati a produrre all’Inps la dichiarazione dei redditi 2016 derivanti da tale attività. La trattenuta effettuata provvisoriamente sulla base dei redditi che i pensionati prevedono di conseguire nel corso dell'anno saranno poi conguagliate in occasione della dichiarazione che gli interessati devono produrre entro lo stesso termine stabilito per la denuncia ai fini dell'Irpef (Unico 2017). Dopo l’abolizione totale del cumulo per le pensioni di vecchiaia e anzianità, la scadenza riguarda ormai i soli titolari di pensione invalidità. L'omissione della dichiarazione reddituale comporta il versamento all'ente previdenziale di una somma, a titolo di sanzione, pari all'ammontare di un anno di pensione.

 

31 ottobre 2017 - Scadenza della presentazione delle domande di pensionamento per i "lavori usuranti"

Modificati di recente i termini di presentazione. In particolare, secondo quanto disposto dalla normativa, ai fini dell'accesso al beneficio, il lavoratore dovrà trasmettere la relativa domanda e la necessaria documentazione entro il:

  • 30 ottobre qualora perfezioni i prescritti requisiti entro il 31 dicembre 2017;
  • 30 novembre, qualora perfezioni i prescritti requisiti dal 1° gennaio al 31 dicembre 2018.

La presentazione della domanda oltre i termini fissati, in caso di accertamento positivo dei requisiti, prevede il differimento della decorrenza del trattamento pensionistico pari a: a) un mese, per un ritardo inferiore o pari ad un mese; b) due mesi, per un ritardo superiore ad un mese ed inferiore a tre mesi; c) tre mesi per un ritardo della presentazione pari o superiore a tre mesi.

 

31 ottobre 2017 - Ingegneri e architetti, reddito professionale e volume d’affari 2016

Entro il 31 ottobre, gli architetti ed Ingegneri iscritti all’Albo professionale e i titolari di partita Iva, anche se non iscritti, devono presentare all’Inarcassa il reddito professionale e il volume d’affari prodotto nell'anno 2016. Attraverso la apposita sezione presente sul sito dell’ente, avendo a disposizione le credenziali di accesso, è possibile procedere alla compilazione assistita e alla trasmissione telematica.

 

 

 

Potrebbe interessarti anche

Le Miniguide di Pensioni&Lavoro

Vademecum, consigli pratici e tutte le informazioni utili per affrontare la burocrazia che ruota intorno al mondo della previdenza e del lavoro

Professioni e calcolo della pensione

Non sai quando e in base a quali requisiti andrai in pensione? Non hai idea di cosa possa succedere in caso malattia, invalidità temporanea o permanente? Cerca la scheda corrispondente alla tua professione e scopri tutto sulla tua pensione!