Dai bisogni di tutela e garanzia alla polizza assicurativa: come nasce l'assicurazione

Assicurare, vale a dire rendere sicuro. Una semplice parola che, almeno all’apparenza, descrive molto chiaramente cosa si aspetta chi decide di sottoscrivere una polizza assicurativa. Ma cosa significa davvero assicurarsi?

Il contratto di assicurazione è un accordo stipulato tra due parti, l’assicuratore e l’assicurato. Attraverso il contratto, l’assicurato si tutela da eventuali rischi futuri attraverso il pagamento di una certa somma, che prende il nome di premio; l'assicuratore si impegna invece, secondo limiti e modalità previste dal contratto, a risarcire l’assicurato nel caso in cui si verifichino gli eventi contro cui l’assicurato ha scelgo di proteggersi.

Scopo dell’assicurazione è quindi quello di permettere agli assicurati di sentirsi più sicuri tutelandosi nei confronti degli imprevisti che possono caratterizzare il corso della vita. Un obiettivo chiaro, cui corrisponde però una gamma molto vasta di possibli opzioni: alla molteplicità di eventi contro cui un individuo può infatti scegliere di (o essere chiamato a) tutelarsi corrispondono infatti anche molte diverse soluzioni assicurative e altrettanti metodi attraverso cui può essere garantita la tutela assicurativa.

A tal proposito va dunque fatta un'importante precisazione preliminare: quella di assicurarsi non è sempre una scelta. Un primo importante elemento distintivo tra i diversi tipi di contratti di assicurazione è infatti l’obbligatorietà. Mentre alcuni contratti sono facoltativi, altri devono essere necessariamente sottoscritti per obbligo di legge.

Un caso molto comune di assicurazione obbligatoria è ad esempio la polizza di responsabilità civile per gli autoveicoli (nota come R.C. Auto), che non possono circolare legalmente in assenza di copertura. Esempi di assicurazione facoltative sono invece quella sulla vita o, restando in tema di automobili, la copertura per il furto o per l’incendio, che non riguardano la responsabilità civile ma elementi aggiuntivi di tutela. 

 

Potrebbe interessarti anche

I tuoi bisogni sono assicurabili?

Torna l'appuntamento con le domande da porsi per un corretto approccio a rischi e bisogni: quali rischi possono essere coperti attraverso polizze e quali invece no?

Assicurare il matrimonio è possibile?

Al momento, il mercato italiano non offre molte soluzioni a quanti sono in cerca di "garanzie" in vista del sì, ma quali sono le prospettive d'evoluzione per il settore?