L’assegno ordinario di invalidità

Di cosa si tratta, perché è da considerarsi una prestazione di natura previdenziale e quali sono le principali differenze con la pensione di inabilità? La nostra pagina dedicata all’assegno ordinario di invalidità

L’assegno ordinario di invalidità è una prestazione economica, erogata dall’INPS su domanda*, ai lavoratori la cui capacità lavorativa risulti ridotta a meno di un terzo a causa di un’accertata infermità di natura fisica o mentale. 

Così come per la pensione di inabilità da cui differisce innanzitutto per il prerequisito sanitario richiesto (la pensione di inabilità implica infatti una condizione di invalidità totale), il riferimento è qui alla prestazione di natura previdenziale disciplinata dalla legge 222/1984. L’assegno ordinario di invalidità trattato in questa sede non va cioè confuso con l’assegno di invalidità civile, prestazione di natura assistenziale, che in quanto tale, non trova tra i suoi prerequisiti il numero di contributi maturati, bensì criteri legati al reddito del richiedente. 

A chi spetta l'assegno ordinario di invalidità?

Hanno diritto all’assegno di invalidità INPS i lavoratori dipendenti, gli autonomi (tra cui, artigiani, commercianti, coltivatori diretti, coloni e mezzadri), nonché gli iscritti ad alcuni fondi pensione sostitutivi ed integrativi dell’assicurazione generale obbligatoria. La facoltà di domanda si estende inoltre ai parasubordinati, mentre non riguarda i dipendenti del settore pubblico, per i quali si considerano valide le discipline speciali previste dalla normativa attuale.

Affinché il trattamento possa essere erogato, si rende necessario il soddisfacimento di due prerequisiti fondamentali:

  • riduzione della capacità lavorativa a meno di un terzo a causa di infermità o difetto fisico o mentale;
  • un minimo di 260 contributi settimanali - pari a 5 anni di contribuzione e assicurazione - di cui almeno 156 settimane (3 anni) nel quinquennio antecedente la presentazione della domanda. 

A differenza di quanto non accada per la pensione di inabilità, non è necessaria, ai fini della richiesta per l’assegno ordinario di invalidità, la cessazione dell’attività lavorativa. In altri termini, l’erogazione dell’assegno è considerata compatibile con lo svolgimento di attività professionali. 

Entrambi i prerequisiti meritano tuttavia di essere approfonditi. Innanzitutto, come evidenziato dalle sentenze 17812/2003 e 7770/2006 della Cassazione, non è possibile ricorrere alle tabelle di valutazione dell’invalidità civile per stabilire se il richiedente possa avvalersi o meno dell’assegno ordinario di invalidità: mentre tali tabelle si basano sull’eventuale diminuzione della capacità di lavoro generica, l’assegno ordinario di invalidità misura una diminuzione delle capacità di lavoro confacenti alle attitudini specifiche del richiedente. Per chiarire il concetto, basterà pensare alla stessa lesione a carico degli arti inferiori, che potrebbe compromettere in maniera significativamente diversa la capacità lavorativa di due persone con percorsi professionali in ambiti completamente differenti tra loro (ad esempio, un grafico pubblicitario e un magazziniere). 

Per quel che riguarda il requisito contributivo, va invece precisato che si devono escludere dal conteggio, in quanto considerati neutri ai fini del calcolo per gli aventi diritto, i seguenti periodi:

  • assenza per astensione facoltativa dopo il parto (congedo parentale)
  • lavoro subordinato all'estero al di fuori di Paesi con cui l’Italia abbia ratificato appositi accordi o convenzioni previdenziali
  • servizio militare oltre al servizio di leva
  • malattia superiore all’anno
  • periodi di iscrizione a forme di previdenza obbligatorie diverse da quelle sostitutive dell'assicurazione Ivs, per i quali sia stabilito altro trattamento obbligatorio di previdenza nel caso in cui non diano diritto alla corresponsione della pensione

Come presentare domanda per l’assegno ordinario di invalidità?

La domanda può essere inoltrata all’INPS esclusivamente in via telematica, attraverso uno dei seguenti canali: 

• via web, sul portale dell’Istituto della Previdenza Sociale www.inps.it, avvalendosi dei servizi accessibili direttamente al cittadino tramite codice PIN 

• via telefono, contattando il contact center integrato INPS al numero 803164 gratuito da rete fissa o, in alternativa, ricorrendo da rete mobile al numero 06164164. In questo caso, i costi del servizio variano a seconda del piano tariffario concordato con il proprio gestore di telefonia mobile 

• patronati o altri enti intermediario dell’Istituto, usufruendo dei servizi telematici offerti dagli stessi.

La domanda presuppone anche la presentazione della certificazione medica (mod. SS3) utile ad attestare la condizione di invalidità. A questo proposito, si precisa che la richiesta può essere inoltrata anche per casi in cui l’infermità fisica e/o mentale preesista l’instaurarsi del rapporto assicurativo: in questo caso, tuttavia, sarà necessario dimostrare che, dopo l’instaurazione del rapporto di lavoro, la situazione è andata incontro a peggioramento e/o sono sopraggiunte nuove infermità invalidanti ai fini dello svolgimento dell’attività professionale. 

/**/

 

Qual è la decorrenza dell’assegno ordinario di invalidità? 

Laddove venga accertata la sussistenza di tutti i prerequisiti, l’assegno ordinario di invalidità ricorre dal mese successivo a quello di presentazione della domanda e sarà in particolare pagato, secondo le disposizioni vigenti, in occasione del primo giorno bancabile del mese. La sua durata è triennale: al termine dei 3 anni, è tuttavia possibile rinnovare la propria richiesta, formulando una nuova domanda entro la data di scadenza

Dopo tre riconoscimenti consecutivi, viene invece confermato automaticamente: resta comunque concessa all’Inps la facoltà di revisione. In qualsiasi momento, tanto nel corso dei trienni soggetti a rinnovo tanto quanto in seguito a conferma definitiva, l’ente può cioè disporre dei controlli medico-legali per verificare che continuino a sussistere le condizioni vincolanti all’erogazione della prestazione economica. 

Al compimento dell’età pensionabile, e in presenza di tutti i requisiti, l’assegno ordinario di invalidità è trasformato d’ufficio in pensione di vecchiaia

Come viene stabilito l’importo dell’assegno ordinario di invalidità?

L’importo è correlato ai contributi effettivamente versati dai lavoratori.  Vale infatti lo stesso sistema di calcolo della pensione e, quindi, si ricorre al sistema  misto per quanti abbiano avviato la propria attività lavorativa prima del 1996; il calcolo è invece interamente affidato al metodo contributivo per gli iscritti dopo l’entrata in vigore della Riforma Dini.  Anche per l’assegno ordinario di invalidità,  si considera valida l’integrazione al minimo Inps, qualora l’importo dell’assegno così calcolato risulti inferiore al trattamento minimo della gestione stessa e sussistano tutte le condizioni di reddito stabilite per legge. 

Ai fini del calcolo dell’importo, occorre infine considerare se il beneficiario continui o meno a esercitare anche un’attività lavorativa. In questo caso, infatti, il lavoratore può continuare a godere anche della prestazione previdenziale, ma con possibili riduzioni dell’importo nei seguenti casi: 

  • se il reddito conseguito supera di 4 volte il trattamento minimo Inps vigente, l’assegno ordinario di invalidità è decurtato del 25% rispetto alla prestazione base
  • se il reddito conseguito supera di 5 volte il trattamento minimo Inps, il trattamento dell’assegno è ridotto del 50% rispetto alla prestazione base. 

In aggiunta a tali riduzioni, da considerare anche le norme di cumulo vigenti per i pensionati che svolgono attività lavorativa. 

Si precisa infine che, a differenza della pensione di inabilità, l’assegno ordinario di invalidità non è reversibile ai superstiti che, in caso di decesso del lavoratore avente diritto, possono comunque accedere alla pensione indiretta. La prestazione è inoltre incompatibile con eventuali indennità di disoccupazione:  è in ogni caso concessa al beneficiario la facoltà di stabilire se optare per l’assegno ordinario di invalidità o il sussidio di disoccupazione. 

*Per i professionisti iscritti a un Albo professionale si fa riferimento alle disposizioni della Cassa di appartenenza. Maggiori informazioni sono disponibili, per ciascuna professione, nella sezione Lavori e Pensione. 

 

Potrebbe interessarti anche

Professioni e calcolo della pensione

Non sai quando e in base a quali requisiti andrai in pensione? Non hai idea di cosa possa succedere in caso malattia, invalidità temporanea o permanente? Cerca la scheda corrispondente alla tua professione e scopri tutto sulla tua pensione!