Pensione, come funziona la cessione del quinto?

La legge prevede per i pensionati la possibilità di contrarre prestiti personali poi estinguibili per mezzo di una trattenuta diretta sull'assegno pensionistico (usufruendo oltretutto di tassi agevolati rispetto a quelli presenti sul mercato): cos'è e come funziona la cessione del quinto della pensione?

Come i lavoratori, anche i pensionati possono ottenere prestiti tramite banche o società finanziarie. Tra le varie possibilità, c'è anche il prestito con cessione del quinto della pensione, le cui peculiarità risiedono:

  • nel limite massimo del prelievo mensile di rimborso del prestito (fino a un quinto della rata di pensione, da cui il nome), a tasso fisso e rata costante;
  • nella modalità stessa del rimborso, che avviene attraverso una trattenuta diretta sulla rata pensionistica.

 

Un prestito per tutti? Le condizioni per ottenerlo

Essendo, quella in quiescenza, una popolazione anziana e al di fuori dal mercato del lavoro, si ritengono necessarie alcune condizioni da rispettare affinché sia rilasciata, dall’ente di previdenza, la comunicazione di cedibilità della pensione, un documento in cui viene indicato l'importo massimo della rata del prestito.

In linea di massima, proprio per le peculiarità socio-anagrafiche della popolazione quiescente, le condizioni per accedere al prestito sono un po’ più rigide del consueto e correlate all’età del richiedente. In ogni caso, non ci sono limiti di età per la stipula del contratto di prestito: ciascun istituto si autoregola, ma in linea generale fino a 75-80 anni è possibile contrarre il prestito con cessione del quinto della pensione (il prestito deve però essere comunque estinto interamento entro l'ottantacinquesimo anno di età del pensionato che ne abbia fatto richiesta).

Riassumendo, il primo step per avviare le pratiche per il prestito con cessione del quinto della pensione è ottenere la comunicazione di cedibilità della pensione, ecco come:

Cessione del quinto e comunicazione di cedibilità della pensione

 

In particolare, per accedere al prestito con cessione del quinto della pensione è necessario che:

  1. il rimborso del prestito si concluda entro un massimo di 10 anni dal momento della stipula;
  2. la quota di rimborso non sia superiore al 20% (un quinto, per l'appunto) dell’importo della rata pensionistica mensile;
  3. al contratto di prestito sia associata una copertura assicurativa per il rischio di premorienza del titolare della prestazione e del prestito.

 

Come si calcola il quinto?

La quota cedibile è determinata sulla base delle prestazioni erogate al cedente all’atto della comunicazione di cedibilità. Nulla toglie che a seguito di successive variazioni delle prestazioni la quota cedibile possa variare. A ogni modo, la quota cedibile (il quinto) dipende dall’importo della rata o delle rate pensionistiche mensili percepite. Ovviamente, maggiore è l’importo della pensione, maggiore sarà la quota di rimborso accordata dall’ente.

  1. Per calcolare il quinto (la quota cedibile) si fa riferimento all’importo della rata di pensione mensile, al netto delle ritenute fiscali e previdenziali, e fatta salva la quota minima (pari a 507,42 euro per il 2018) che, dunque, non può essere erosa dalla rata di rimborso del prestito contratto.
  2. Inoltre, come indicato sul sito INPS, non si può richiedere il prestito con cessione del quinto della pensione sulle prestazioni che seguono, in ragione della loro particolare funzione:
  • pensioni e assegni sociali;
  • invalidità civili;
  • assegni mensili per l'assistenza ai pensionati per inabilità;
  • assegni di sostegno al reddito;
  • assegni al nucleo familiare;
  • pensioni con contitolarità per la quota parte non di pertinenza del soggetto richiedente la cessione;
  • prestazioni di esodo ex art. 4, commi da 1 a 7 – ter, della Legge n. 92/2012.

 

Ulteriori garanzie a tutela del contraente di prestito con cessione del quinto della pensione

In considerazione della tipologia dei potenziali contraenti, in età anziana, e della prestazione su cui grava il rimborso del prestito contratto, vale a dire la pensione, il legislatore ha previsto ulteriori tutele a vantaggio dei pensionati interessati a tale strumento, tra le quali:

  • il T.E.G. applicato ai contratti di finanziamento non può superare la soglia di usura rilevata trimestralmente ai sensi della legge n. 108 del 1996; viene preso a riferimento il “tasso soglia” del trimestre di sottoscrizione del contratto di finanziamento;
  • nel contratto devono essere indicate tutte le spese connesse al prestito (istruttoria, estinzione anticipata, premio assicurativo per premorienza, commissioni, interessi);
  • l'INPS ha predisposto una Convenzione, sottoscritta da numerose Banche e Società finanziarie, che garantisce tassi più favorevoli rispetto a quelli di mercato

L'elenco completo degli Istituti di credito convenzionati - che possono quindi concedere prestiti ai pensionati a mezzo della cessione del quinto garantendo oltretutto tassi di interesse più favorevoli rispetto a quelli previsti da altre forme di finanziamento,  è disponibile sul sito INPS.

 

Potrebbe interessarti anche

Come e perché aderire alla previdenza integrativa?

Con il metodo di calcolo contributivo la pensione sarà ancora sufficiente? O meglio iniziare a pensare a una "pensione di scorta"? Alcuni dei dubbi più frequenti di quanti si interrogano sull'adesione alla previdenza complementare

Burocrazia, miniguide alla pensione

Miniguide alla pensione

Requisiti, tempi, costi e altre info utili: tutto quello che serve sapere per affrontare burocrazia e pratiche previdenziali 

La Busta Arancione

Due strumenti di calcolo in uno: vuoi sapere a quanto ammonteranno la tua pensione pubblica e integrativa? Prova la Busta Arancione di Pensioni&Lavoro, semplice e a prova di clic!