Non solo vantaggi fiscali: tutti i possibili benefici dell'assistenza sanitaria integrativa

L’adesione alla sanità integrativa è spesso idealmente associata ad agevolazioni di natura economica, ma non si tratta degli unici possibili vantaggi: dalle strutture convenzionate ai tempi d'attesa ridotti, guida pratica agli eventuali benefit

Oltre a essere associata a vantaggi di natura fiscale, l’adesione all’assistenza sanitaria integrativa permette di non anticipare le spese sanitarie oppure di ottenere il rimborso totale o parziale di prestazioni socio-sanitarie erogate presso strutture convenzionate: si tratta quindi di una scelta che, spesso, i cittadini compiono per integrare sì i servizi offerti dal SSN, ma tutelarsi al tempo stesso - entro i limiti definiti dalla forma prescelta – dagli oneri economici che potrebbero derivare dal ricorso diretto al privato. 

I possibili benefit associati all’adesione non riguardano tuttavia i soli rimborsi. Nel complesso, infatti, a fronte dell’eventuale quota associativa (o costo del premio, etc), l’assistenza sanitaria integrativa consente - nell’affrontare problematiche di natura sanitaria o nell’approntare pratiche preventive -  di usufruire di una serie di facilitazioni che riguardano anche tempi e modalità di erogazione delle prestazioni. In particolare, pur con tutte le peculiarità associate alla specifica forma prescelta, si segnalano a titolo esemplificativo: 

  • tempi d’attesa ridotti per l’accesso a visite specialistiche, ricoveri programmati/programmabili o per la diagnostica (con orari di visita prolungati); 
  • procedure di accettazione o prenotazione semplificate, spesso anche perché direttamente gestite dalla forma di assistenza sanitaria prescelta e la relativa struttura convenzionata; 
  • miglioramento del rapporto costo/prestazioni, dovuto sia alla possibilità di beneficiare (al di là dei casi di erogazione diretta o rimborso) di tariffe spesso agevolate presso le strutture convenzionate sia di particolari tipologie di benefit o servizi dedicati (ad esempio camere private e accoglienza anche per l’eventuale accompagnatore in caso di ricovero); 
  • possibilità di godere dei benefit associati all’adesione anche per eventuali prestazioni di medicina non convenzionale e che non rientrano pertanto tra quelle garantite dal SSN per il tramite dei LEA

Ciò detto, diventa naturalmente importante, nella scelta della propria forma di assistenza sanitaria, verificare innanzitutto le prestazioni effettivamente garantite e quindi le relative condizioni di erogazione (ad esempio, la presenza di franchigie), nonché il tipo e la numerosità di strutture convenzionate presenti in particolar modo nella propria zona di residenza, così da verificare la concreta accessibilità dei servizi offerti. 

 

Potrebbe interessarti anche

L'insostenibile lunghezza delle liste d'attesa

La lunghezza delle liste d'attesa è forse uno degli emblemi delle difficoltà del SSN e, di riflesso, dell'importanza di un modello multipilastro che sia in grado di affiancare efficacemente il servizio nazionale nel garantire l'accesso alle cure di tutti i cittadini 

Non autosufficienza, la dimensione del problema italiano

In Italia si vive di più rispetto alla media europea, ma non meglio. Ecco perché urge una riflessione sugli strumenti organizzativi con cui affrontare la sfida della non autosufficienza, una riflessione che sappia cogliere tutte le opportunità offerte da possibili sinergie pubblico/privato

Previdenza integrativa, quando e a chi conviene?

Aderire alla previdenza complementare conviene oppure no? Questa la domanda che, spesso, condiziona chi deve decidere se affidare o meno il proprio futuro a una pensione integrativa: ecco alcune info utili per decidere la soluzione più adeguata alla proprie esigenze