Come aderire all'assistenza sanitaria integrativa?

Ecco come iscriversi all'assistenza sanitaria integrativa: tutte le informazioni utili e gli aspetti da considerare

L'adesione alla sanità complementare non avviene sempre e necessariamente come frutto di una decisione del tutto spontanea, ma può essere in qualche modo anche mediata, se non addirittura "automatica", come accade ad esempio nei casi in cui la copertura integrativa sia prevista dal proprio CCNL di riferimento. Proprio per questa ragione, prima di iscriversi a una forma di assistenza sanitaria integrativa occorre:

1- verificare se per la propria categoria o posizione professionale (dipendente, autonomo o libero professionista) è già previsto un piano sanitario integrativo dedicato. Ad esempio, nel caso di un lavoratore dipendente è bene verificare se nel contratto nel contratto collettivo nazionale di lavoro (CCNL) o nel contratto aziendale è prevista una forma di assistenza sanitaria integrativa relativa al settore di appartenenza (il dipendente del settore chimico, meccanico, di un gruppo bancario o di una determinata azienda) e se l'adesione è "automatica" al momento della sottoscrizione del contratto o prevede comunque il perfezionamento dell'iscrizione su base volontaria. La stessa operazione di verifica vale per i lavoratori autonomi e i liberi professionisti. Volendo fare due esempi concreti: nel caso di un lavoratore dipendente di un’agenzia che organizza eventi, al quale si applica il CCNL del commercio, il fondo sanitario di riferimento è Fondo Est ed è l’azienda stessa che si occupa dell’iscrizione del lavoratore e del pagamento dei contributi; nel caso di un avvocato, invece, la Cassa Forense ha stipulato una convenzione con UniSalute per offrire agli iscritti (anche pensionati e familiari conviventi) una polizza sanitaria collettiva;

2- valutare se queste forme di assistenza sanitaria integrativa soddisfano (o meno) appieno le proprie esigenze. Diversamente, sarà infatti possibile estendere la propria copertura o, quando assente, stipularne una ex novo, optando per strade alternative, come l’adesione individuale a una Società di Mutuo Soccorso o la sottoscrizione di una polizza infortuni e malattia o di assistenza sanitaria o di protezione offerta da una Compagnie di Assicurazione.

Una volta scelto lo strumento, l’adesione si perfeziona con la sottoscrizione del contratto. In alcuni casi, come ad esempio per alcune polizze di tipo assicurativo, la sottoscrizione può inoltre prevedere una serie di esami sanitari.

/**/

Cosa è bene tener presente prima di scegliere la forma di assistenza sanitaria alla quale aderire?

Da sottolineare, innanzitutto, come molte forme sanitarie integrative prevedano generalmente per le adesioni individuali alcuni "paletti", come un’età massima all’adesione in genere compresa fra i 65/70 anni. Limitazione giustificata dal fatto che la rischiosità è decisamente più elevata oltre queste età e che un'iscrizione così tardiva non trova compenso nella minore rischiosità apportata dall’individuo con l’appartenenza negli anni precedenti. Attenzione! Questa limitazione riguarda però la sola iscrizione e non è da confondere con eventuali limiti di età oltre i quali agli iscritti viene più fornita l’assistenza, come può talvolta accadere malgrado una partecipazione anche pluriennale alla forma di assistenza. Tra le altre cose, ai fini di una scelta il più possibile consapevole, sarà quindi sempre molto importante verificare che:

  1. non ci siano limiti d’età oltre i quali gli iscritti non vengono più assistiti, proprio nel momento di maggior bisogno;
  2. non ci sia il rischio di essere esclusi dall’assistenza nel caso di elevato consumo di prestazioni sanitarie dovute a stati di salute particolarmente gravi.

Per non incorrere in truffe o in altri spiacevoli inconvenienti al momento di scelta e sottoscrizione, è poi sempre bene ricordare che l’elenco dei fondi sanitari, delle casse sanitarie e delle società di mutuo soccorso autorizzate a operare è tenuto presso il Ministero dalla Salute (anche se a oggi non è liberamente consultabile), mentre l’elenco delle compagnie di assicurazione, comprese quelle che operano anche offrendo polizze legate alla salute, è disponibile sul sito dell’ANIA.

 

Potrebbe interessarti anche

Quale definizione per la non autosufficienza?

Il primo passo per la predisposizione di un disegno organico della copertura è la definizione stessa della non autosufficienza, essenziale per delineare in modo unico il diritto alla prestazione. Alcune considerazioni anche alla luce dell'esperienza francese