In cosa consiste l'assistenza sanitaria integrativa?

Chi può può aderire, come sottoscrivere un'eventuale polizza, quanto versare: guida rapida all'assistenza sanitaria integrativa

L'assistenza sanitaria integrativa rappresenta una forma di tutela a disposizione dei cittadini che vogliano integrare e/o sostituire i servizi messi a disposizione dal Sistema Sanitario Nazionale per quel che riguarda le prestazioni e i servizi medico-sanitari.

Il ricorso alla sanità integrativa può riguardare il singolo, che può stipulare polizze e contratti in autonomia, o essere realizzato in forma collettiva, se rientrante tra i diritti previsti dai CCNL, dagli albi professionali o da specifici contratti integrativi predisposti dalle singole aziende. In quest'ultimo caso, le prestazioni di assistenza sanitaria integrativa rientrano quindi tra i benefit offerti dal datore di lavoro ai propri dipendenti. 

Varie anche le prestazioni cui la sottoscrizione puà dare diritto: a seconda dell'ente erogante, la sanità integrativa può ad esempio offrire agli iscritti un rimborso, totale o parziale, delle prestazioni medico-sanitarie erogate dalla proprie struttura ospedaliera o da strutture e ambulatori convenzionati. La modalità di rimborso, diretto o indiretto, dipenderà poi dal tipo di convenzione che intercorre tra la struttura prescelta e l'ente con cui si è sottoscritta la propria soluzione di sanità integrativa.  

 

Potrebbe interessarti anche

Sfide e nuovi trend nel campo della sanità

Contenere la spesa e innalzare al tempo stesso la qualità e l'adeguatezza dei servizi offerti: le sfide della sanità pubblica e il ruolo, sempre più rilevante, dell'assistenza sanitaria integrativa 

Sanità, aumentano gli italiani che ricorrono al privato

Ha raggiunto i 34,5 miliardi di euro la spesa sanitaria privata, registrando un incremento in termini reali del 3,2% nell’ultimo biennio (2013-2015). Il doppio dell'aumento della spesa complessiva per i consumi delle famiglie nello stesso periodo (1,7%)...