Welfare aziendale, assistenza ai familiari e operatori socio-assistenziali

Forse non tutti sanno che il welfare aziendale può venire in aiuto anche di quei lavoratori che necessitano di operatori socio-assistenziali per far fronte alla cura di un familiare anziano o non autosufficiente: le opportunità offerte ai dipendenti

Riferimento legislativo è in questo caso l'art. 51 comma lettera f-ter del Testo Unico delle Imposte Sui Redditicontenente indicazioni sulle spese sostenute dal dipendente in favore dei suoi familiari (non è invece previsto il rimborso di spese in favore del lavoratore stesso) per prestazioni di assistenza per familiari anziani o non autosufficienti.

"2f-ter). Le somme e le prestazioni erogate dal datore di lavoro alla generalità dei dipendenti o a categorie di dipendenti per la fruizione dei servizi di assistenza ai familiari anziani o non autosufficienti indicati nell’art. 12"

Quali dunque gli ambiti di applicazione in materia di welfare aziendale? E' la Circolare 28/E dell'Agenzia delle Entrate a chiarificare che, sebbene la norma non ne faccia specifico riferimento, è inclusa anche l’erogazione diretta del servizio da parte del datore di lavoro, così come accade ad esempio per le spese di istruzione.

Spetta sempre alla Circolare n.28/E dell'Agenzia delle Entrate definire i soggetti per i quali è possibile usufruire del rimborso: 

  • Soggetti non autosufficienti: “sono coloro che non sono in grado di compiere gli atti della vita quotidiana quali, ad esempio, assumere alimenti, espletare le funzioni fisiologiche e provvedere all’igiene personale, deambulare, indossare gli indumenti” e le persone che “necessitano di sorveglianza continuativa”. Lo stato di non autosufficienza deve essere comprovato da certificazione medica. Non sono compresi i bambini, a meno che la loro non autosufficienza non sia associata a patologie.
  • Anziani: soggetti che abbiano compiuto 75 anni di età.
 

Potrebbe interessarti anche

LTC, Italia alle corde. Adesso urge una stampella privata

Secondo recenti statistiche in materia, il 5,5% della popolazione in Italia non è autosufficiente: dei 3.167.000 non autosufficienti italiani, oltre il 50% è assistista da famiglie con scarse disponibilità economiche. I numeri obbligano dunque a una riflessione sulla situazione della Long Term Care nel nostro Paese 

Per prevenire e per curare: la leva del sociale per la vecchiaia

Prevenzione e cura, due parole fondamentali quando si parla delle sfide alla sanità poste dall'invecchiamento della popolazione e che meritano di essere rivalutate pienamente anche nella loro forte connotazione sociale: spunti e riflessioni sul ruolo cruciale della rete relazionale e assistenziale nel mantenimento di buone condizioni di salute