Scadenze previdenziali di marzo, tutte le date da ricordare

Adempimenti contributivi e fiscali per lavoratori dipendenti, autonomi, liberi professionisti... ma non solo: il calendario con tutte le scadenze 2021 da segnare in agenda, mese dopo mese

Attenzione! Per tutelare i cittadini dagli effetti economico-finanziari della pandemia di COVID-19, sia l'INPS sia le Casse di Previdenza stanno promuovendo una serie di misure volte a tutelare i loro iscritti e le loro famiglie: tra i provvedimenti presi, oltre a congedi e bonus a sostegno del reddito, anche sopensioni e dilazioni degli adempimenti contributivi. Per questa ragione, alcune delle scadenze indicate in questa rubrica potrebbero subire (ulteriori) variazioni nel corso delle prossime settimane

 

31 marzo 2021 - CDC, scadenza della seconda rata per le eccedenze 2020

Scadenza in arrivo per i soli dottori commercialisti che, in fase di adesione al servizio PCE 2020, hanno scelto la rateizzazione: decorre infatti al 31 marzo il termine ultimo per corrispondere la seconda rata riferita alle eccedenze 2020.

Si ricorda che le eccedenze del contributo soggettivo e del contributo integrativo dovuto per ciascun anno sono dilazionabili in 2, 3 o 4 rate. La scadenza per il pagamento delle eventuali rate successive è fissata, rispettivamente, al 30 giugno e al 30 settembre

 

31 marzo 2021 - Ulteriore proroga degli adempimenti previdenziali 2020 per gli avvocati

Vista la persistente crisi economica dovuta all’emergenza COVID-19 epidemiologica in atto, il CdA di Cassa Forense ha ritenuto necessario adottare ulteriori proroghe rispetto a quelle già previste in riferimento ai contributi dovuti per il 2020. 

Viene quindi individuato il 31 marzo 2021 come termine unico degli adempimenti previdenziali precedentemente sospesi, incluse le richieste di pagamento formulate dalla Cassa tramite bollettini MAV in scadenza lo scorso 31 ottobre. Nel dettaglio, il provvedimento riguarda: 

  • contributi in scadenza (II rata) per gli eventi calamitosi verificatisi nella provincia di  Livorno e dell'Isola di Ischia;
     
  • contributi in scadenza per gli eventi calamitosi verificatisi nella provincia di Catania - contributi non rateizzati;
     
  • integrazione facoltativa contributo minimo soggettivo in scadenza il 31 dicembre 2020;
     
  • contributi minimi anni precedenti;
     
  • rateazioni di istituti soggetti a decadenza (retrodatazioni e benefici ultraquarantenni);
     
  • rateazioni di procedure sanzionatorie;
     
  • contributi, sanzioni e interessi dovuti a seguito di procedure sanzionatorie;
     
  • somme dovute per accertamenti per adesione;
     
  • domande di rateazione somme dovute per accertamenti per adesione;
     
  • domande di rateazione somme dovute per regolarizzazione spontanea;
     
  • somme dovute per accertamenti per adesione da controlli incrociati con l’Anagrafe Tributaria;
     
  • somme dovute per rateazione dell'onere di riscatto e ricongiunzione.


Attenzione! Sono stati ritenuti non ulteriormente prorogabili, invece, i termini di scadenza dei contributi minimi 2020. 

 

16 marzo 2021 - Termine di presentazione della Certificazione Unica

Datori di lavoro e sostituti d’imposta hanno tempo fino al 16 marzo per inviare la Certificazione Unica 2021 all’Agenzia delle Entrate e fornirne copia sintetica al lavoratore. Si ricorda che la rinnovata scadenza, novità introdotta a partire da quest'anno ma destinata a essere mantenuta anche in futuro, è finalizzata a far allineare i sostituti d’imposta con gli altri soggetti tenuti alle comunicazioni per la compilazione della dichiarazione dei redditi precompilata. 

Attenzione! Con una nota che anticipa il Decreto Sostegni, il MEF ha reso noto che "verranno differiti al 31 marzo 2021 i termini di trasmissione telematica della Certificazione Unica all'Agenzia delle Entrate e di consegna della stessa agli interessati. La stessa proroga al 31 marzo 2021 viene prevista anche per l'invio da parte degli enti esterni all'amministrazione finanziaria dei dati utili per la predisposizione della dichiarazione precompilata".

 

3 marzo 2021 - Bonus bebé, online la procedura per la domanda

Attraverso la pubblicazione del messaggio 918/2021, l'INPS ha ufficializzato che è ora disponibile online la procedura per presentare la domanda di assegno di natalità per ogni figlio nato o adottato dall'1 gennaio al 31 dicembre 2021. La richiesta andrà presentata attraverso il servizio telematico entro 90 giorni dall’evento, mentre per nascite, adozioni o affidamenti già avvenuti i 90 giorni decorrono dalla data di pubblicazione del messaggio.

Fornite dall'Istituto anche tutte le informazioni sulla modalità di presentazione della domanda, sulle soglie ISEE di riferimento e i relativi importi del bonus.

 

2 marzo 2021 - Nona salvaguardia per gli esodati, al via le domande

Come reso noto dall'INPS con il messaggio 195/2021 dello scorso 18 gennaio, entro il prossimo 2 marzo lavoratori e patronati potranno utilizzare il nuovo applicativo telematico utile a presentare le richieste di accesso alla cosiddetta "nona salvaguardia" introdotta dall'ultima Legge di Bilancio.

La possibilità di accedere alla pensione facendo valere i requisiti ante Fornero riguarderà 2.400 esodati, vale a dire assicurati nel 2011 privi di occupazione o firmatari di accordi che già ne prevedevano l’uscita dal mercato del lavoro, cui verrà appunto consentito di beneficiare delle vecchie disposizioni in materia di requisiti d’accesso e decorrenza della pensione, pur non avendo ancora maturato il diritto al trattamento pensionistico al momento dell’entrata in vigore della riforma Monti-Fornero. 

 


28 febraio 2021 - Contributi volontari, in scadenza la proroga dei versamenti

Come sancito dalla legge di conversione del decreto Ristori, l'INPS ha riconosciuto - eccezionalmente e in considerazione dell’emergenza epidemiologica in atto - la possibilità di versare i contributi volontari riferiti al 2020 entro i 2 mesi successivi alla scadenza naturale, e comunque non oltre il 28 febbraio 2021. Anche per i "ritardatari" necessario quindi regolare la propria posizione entro la fine del mese di febbraio.

 

27 febbraio 2021 - Geometri, cessa la proroga gli adempimenti dichiarativi e previdenziali

Per praticanti, neo-iscritti o re-iscritti nel corso del 2020 Cassa Geometri ha stabilito ulteriori agevolazioni a seguito dell'emergenza COVID-19: per quanti hanno deciso di posticipare il pagamento (totale o parziale) della contribuzione dovuta per il 2021 all'anno successivo, è stata infatti disposta una rateizzazione automatica in 4 rate, scadenti tra il 27 febbraio e il 27 maggio. 

Comunque previsto un interesse di rateizzazione al tasso del 2,50% annuo.

 

24 febbraio 2021 - Online la procedura (e il tutorial) INPS per il bonus asilo nido 2021

È online la procedura che consente di presentare e consultare le domande per l’accesso al bonus asilo nido 2021, beneficio rivolto ai genitori di figli nati, adottati o affidati fino a 3 anni d’età (compiuti nel periodo tra gennaio e agosto 2021) che consiste in un contributo per sostenere le spese per l’asilo nido o per il supporto presso la propria abitazione in caso di bambini impossibilitati a frequentare perché affetti da gravi patologie.

Le domande possono essere inoltrate direttamente sul sito INPS oppure rivolgendosi ai patronati. Si ricorda che gli importi dei contributi sono stabiliti in base all’ISEE del richiedente (in assenza di ISEE valido viene riconosciuto il bonus minimo). 

 

16 febbraio 2021 - Dipendenti, conguaglio di fine 2020 per i contributi previdenziali

È tempo di bilanci di fine anno per  i datori di lavoro privati non agricoli che utilizzano la dichiarazione contributiva UNIEMENS. I datori di lavoro possono effettuare il conguaglio, oltre che con la denuncia di competenza del mese di dicembre 2020 (con scadenza di pagamento al 16 gennaio 2021), anche con quella di competenza di gennaio 2021 (con scadenza al 16 febbraio 2021), attenendosi alle modalità indicate dall'INPS. 

I conguagli riferiti al TFR, al Fondo di Tesoreria e alle relative misure compensative possono essere invece inseriti nella denuncia di febbraio 2021, con termine fissato al 16 marzo.

 

16 febbraio 2021 - Artigiani e commercianti, ultima rata dei contributi minimi INPS 2020

Ultimo appuntamento alla cassa INPS, almeno per quel che riguarda i contributi minimi dovuti per il 2020, per artigiani e commercianti: l'ultima delle 4 rate dovute dovrà essere versata - mediante il consueto modello di pagamento unificato F24 - entro il 16 febbraio 2021. 

Si ricorda che in caso di reddito superiore a quello minimale saranno dovuti anche i cosiddetti contributi a percentuale. In questo caso, il versamento avviene in due acconti di pari importo, calcolati sul reddito d'impresa dell'anno precedente, cui si aggiunge un saldo l'anno successivo, una volta noto il reddito effettivamente conseguito. 

 

15 febbraio 2021 - ENPAB, ultima rata per i contributi a conguaglio riferiti al 2019

Quarta e ultima rata per i biologi chiamati a corrispondenre i contributi previdenziali sul reddito dell’anno 2019: la scadenza è fissata al 15 febbraio 2021

 

10 febbraio 2021 - ENPAPI, dovuta la prima rata del contributo soggettivo minimo

L'attuale sistema di pagamento dei contributi annuali a carico degli iscritti ENPAPI prevede la corresponsione di cinque 5 rate  di pari importo costituite dai contributi minimi per l’anno in corso e da un anticipo del saldo dovuto per l’anno precedente, cui fa seguito una sesta rata pari al conguaglio tra quanto già versato a titolo di anticipo saldo nelle prime cinque rate e quanto dovuto a titolo di contribuzione sulla base della dichiarazione del reddito professionale e del volume d’affari.

La scadenza della prima rata è fissata per il 10 febbraio 2021; le successive sono previste entro il 10 dei mesi di aprile, giugno, agosto ed ottobre. Per il pagamento, l’Ente predispone all’interno dell’Area Riservata modelli di pagamento F24 e PagoPa precompilati con l’indicazione dei dati anagrafici e dell’importo da corrispondere.

 

31 gennaio 2021 - Architetti e ingegneri liberi professionisti, rateizzare i contributi 2021

Anche per il 2021 Inarcassa prevede la possibilità di versare i contributi minimi in 6 rate bimestrali, anziché in due semestrali: per chi desidera cogliere l'opportunità, le rate saranno di pari importo, senza interessi dilatori, con la prima scadenza stabilita al 28 febbraio e l’ultima al 31 dicembre 2021.

Il pagamento avverrà solo attraverso disposizione permanente di bonifico (SDD) dal proprio conto corrente bancario, con IBAN comunicato in fase di richiesta. Hanno accesso all’agevolazione tutti gli iscritti a Inarcassa, inclusi i pensionati: basta che ne facciano richiesta entro il 31 gennaio 2021, esclusivamente in via telematica, tramite l’apposita funzione disponibile alla voce "agevolazioni" del menù laterale di Inarcassa On line .

 

27 gennaio 2021 - Cassa Forense, sospesa la riscossione dei contributi minimi per il 2021

Con la seduta del 26 gennaio 2021 il Consiglio di Amministrazione di Cassa Forense ha stabilito la sospensione della riscossione dei contributi minimi 2021 (soggettivo e di maternità).

Di conseguenza, i relativi MAV - con scadenza febbraio, aprile, giugno e settembre 2021 - non potranno essere prodotti dal sito della Cassa, in attesa dei provvedimenti ministeriali di attuazione dell’art. 1, comma 20, della legge 178/2020.

 

15 gennaio 2021 - Gestione separata ENPAIA, riprendono i versamenti contributivi 

Dopo essere stati sospesi dall'8 marzo al 15 gennaio 2021 dai Comitati amministratori delle Gestioni Separate di periti agrari e agrotecnici iscritti a Enpaia a seguito dell'emergenza COVID-19, riprendono gli adempimenti contributivi obbligatori per gli iscritti. I versamenti sospesi dovranno infatti essere effettuati, senza sanzioni o interessi, in un’unica soluzione entro il 31 gennaio 2021. Possibile in realtà anche la rateizzazione (fino a un massimo di 10 rate mensili di pari importo per i periti agrari e 5 rate mensili per gli agrotecnici), a condizione tuttavia di aver presentato opportuna domanda entro lo scorso 31 ottobre.

Si ricorda inoltre che tutti i termini di pagamento dei piani di rateizzazione in atto al momento della sospensione degli adempimenti contributivi sono stati a loro volta posticipati al 31 gennaio 2021, con slittamento di tutte le successive rate dei piani di dilazione. 

 

15 gennaio 2021 - Cessa l'interruzione dei contributi minimi ENPAB 

Anche ENPAB ha deciso di intrapresendere misure straordinarie per contrastare l’emergenza COVID-19. A tutti gli iscritti è stata quindi data  possibilità di sospendere il pagamento delle rate in scadenza rendendo facoltativo il versamento degli acconti con scadenza il 30 aprile e il 30 giugno 2020 e prorogando il termine al 15 gennaio 2021. Data in cui sarà riconosciuta agli iscritti l’ulteriore facoltà di versare i contributi in un’unica soluzione o in alternativa in 12 rate mensili. Ciascun iscritto potrà tuttavia in qualsiasi momento utilizzare i MAV (pubblicati nell’area riservata) per effettuare il pagamento degli acconti (anche una sola rata) in ogni momento durante tutto l’anno, così da poter dedurre fiscalmente i contributi obbligatori versati entro il 2020; a questi pagamenti, proprio perché rientranti nel periodo di sospensione, non saranno applicati interessi di mora o sanzione.

Non solo, sempre in applicazione delle misure di sostegno ai propri iscritti, l'Ente ha deliberato che la mancata applicazione di sanzioni e interessi per il ritardo di pagamento dei contributi è estesa fino al 30 marzo 2021. Restano invece inalterate le scadenze dei conguagli previsti per il 15 gennaio e 15 febbraio 2021, così come quelle relative ai contributi minimi previsti entro il 15 gennaio 2021.

 

11 gennaio 2021 - Lavoro domestico, dovuti i contributi per l'ultimo trimestre 2020

Per le famiglie che hanno alle dipendenze colf, badanti o baby sitter il 2020 si chiude al 10 gennaio 2021, data che stabilisce il termine ultimo per il versamento dei contributi previdenziali relativi all'ultimo trimestre 2020 (ottobre-dicembre). La scadenza è di fatto naturalmente prorogata al giorno successivo, l'11 gennaio, visto che il 10 cade di domenica.

Si ricorda che i versamenti si possono effettuare: dalla sezione Pagamento dei lavoratori domestici del sito INPS; presso banche, uffici postali e altri istituti di pagamento, tramite PagoPA per gli aderenti al circuito; presso tabaccai, punti vendita Sisal e Lottomatica.

 

31 dicembre 2020 - Cassa Forense, proroga degli adempimenti previdenziali

A seguito dell'emergenza pandemica, il versamento dei contributi per l’anno 2020 è differito, senza applicazioni di interessi e sanzioni, al 31 dicembre 2020.  Allo stesso modo, anche l’invio del modello 5/2020 – il cui termine ordinariamente è fissato al 30 settembre - è differito al 31 dicembre. 

In particolare, i contributi dovuti in autoliquidazione per l’anno 2020 potranno essere corrisposti, previa scelta obbligatoria e irrevocabile con le seguenti modalità alternative:

  • nelle consuete due rate o in unica soluzione entro il 31 dicembre 2020, a mezzo MAV senza interesse e sanzioni;
     
  • in due rate annuali di pari importo con scadenza fissata al 31 marzo 2021 e al 31 marzo 2022, sempre a mezzo MAV, ma  maggiorate dell’interesse dell’1,50%, su base annua, senza sanzioni; l'interesse sarà calcolato con riferimento alla prima rata dall'1 gennaio 2021 al 30 marzo 2021 e per la seconda dall'1 gennaio 2021 al 30 marzo 2022; 
     
  • mediante iscrizione nel ruolo 2021 (da formare a ottobre 2021), maggiorati degli interessi nella misura dell’1,50%, che saranno calcolati a decorrere dall'1 gennaio 2021 al 31 ottobre 2021 (data di formazione del ruolo) senza sanzioni, con possibilità di chiedere ulteriori rateazioni direttamente al concessionario (fino a 72 rate).

Attenzione! Nel caso la contribuzione nel complesso dovuta per contributo soggettivo e contributo integrativo risulti inferiore all'importo di 30 euro il versamento dovrà essere necessariamente effettuato entro l'anno in corso. 

 

31 dicembre 2020 - Architetti e ingegneri, slitta la scadenza dei minimi 2020

Alla luce della situazione emergenziale, Inarcassa ha stabilito la possibilità di pagare i minimi, senza alcuna sanzione, entro il 31 dicembre con modalità MAV/F24, anche se sui bollettini è riportata la scadenza originaria. I MAV della seconda rata sono già disponibili su iOL (sotto ADEMPIMENTI >> GESTIONE PAGAMENTI), per chi desidera procedere prima al versamento, ed evitare il sovrapporsi delle scadenze a fine anno. Stesse opportunità valgono anche per coloro che hanno ottenuto la deroga al minimo soggettivo e devono la sole quote relative al minimo integrativo e maternità/paternità.

 

24 dicembre 2020 - ENPAPI, proroga del saldo 2019 per gli infermieri liberi professionisti

Vista la situazione emergenziale, il CdA ENPAPI ha deliberato la proroga della scadenza del saldo 2019 al 24 dicembre 2020. Due quindi le possibili modalità di versamento del saldo: 

  • versamento in un’unica soluzione entro il 24 dicembre 2020. In questo caso, è possibile generare il modello F24 o il bollettino PagoPA nella sezione PAGAMENTO dell’area riservata; 
     
  • rateizzazione ordinaria, in un massimo di 72 rate, a condizioni che l'importo da versare superi i 1.000 euro. Non verranno applicate sanzioni e interessi di mora in caso di invio della domanda di rateizzazione entro il 24 dicembre 2020; diversamente verrà applicato il regime sanzionatorio vigente da regolamento. 

 

30 novembre 2020 - Conguaglio contributi 2019 Inarcassa, stop alle richieste di rateazione

A tutti gli associati, iscritti o già pensionati Inarcassa in regola con gli adempimenti previdenziali, è concessa la possibilità di rateizzare il conguaglio contributivo 2019 - in scadenza il 31 dicembre 2020 - in 3 pagamenti posticipati a marzo, luglio e novembre 2021, a un tasso di interesse dell’1,5% senza acconto.

Il pagamento potrà avvenire esclusivamente attraverso il sistema SDD (disposizione permanente di bonifico alla propria banca). La rateizzazione viene accordata per un importo minimo di 1.000 euro.

 

30 novembre 2020 - Reddito eccedente, nuovo versamento per i lavoratori autonomi

Doppio appuntamento con l’INPS a novembre per artigiani, commercianti e titolari di partita IVA iscritti alla Gestione Separata: se è infatti fissato al 16 novembre il termine ultimo per il versamento della terza quota del contributo minimale, è invece in calendario per il 30 novembre la scadenza del secondo acconto 2020 sulla quota di reddito eccedente. I contributi devono essere versati mediante i modelli di pagamento unificato F24 entro i termini previsti per il pagamento delle imposte sui redditi delle persone fisiche, in riferimento ai contributi dovuti sulla quota di reddito eccedente il minimale, a titolo di saldo per il 2019. 

 

30 novembre 2020 - Contributi ENPACL, proroga anche per i consulenti del lavoro

Con una riunione dell'1 settembre, il Consiglio di Amministrazione ENPACL ha deliberato il differimento al 30 novembre 2020 del termine per l’invio della dichiarazione (già in scadenza il 16 settembre) nonché del pagamento della prima rata della contribuzione 2020, con riserva di assumere ogni ulteriore iniziativa utile a sostenere gli iscritti inn difficoltà, comprese ulteriori proroghe riguardanti il versamento della contribuzione.

Pertanto, tutti i Consulenti del Lavoro iscritti sono tenuti entro il 30 novembre prossimo a:

  • rendere tramite i "Servizi ENPACL on line" la comunicazione obbligatoria del volume d’affari IVA e del reddito professionale 2019;
     
  • effettuare il versamento di quanto dovuto per contribuzione soggettiva e integrativa, in unica soluzione o ratealmente, massimo sei rate mensili, in scadenza lunedì 30 novembre, giovedì 31 dicembre 2020; venerdì 29 gennaio, venerdì 26 febbraio, martedì 30 marzo e venerdì 30 aprile 2021.

Coloro che intendessero avvantaggiarsi nei pagamenti, possono comunque effettuare versamenti spontanei in acconto, con modalità semplificata.

Attenzione! Per gli iscritti delle cosiddette (ex) "zone rosse" la sospensione resta invece estesa a tutto il 2020. 

 

15 novembre 2020 - EPAP, saldo contribuzione per il 2019

Entro il 16 novembre gli iscritti all’EPAP, ente di previdenza pluricategoriale cui fanno riferimento attuari, agronomi, geologi, chimici, e forestali, devono versare il saldo della contribuzione 2019 e il contributo di maternità 2020, pari a 16 euro. È concessa facoltà ai contribuenti di procedere sia al pagamento in un'unica soluzione entro la data indicata sia, alternativamente, su due rate di pari importo con scadenza fissata al 15 novembre e al 15 dicembre 2020

 

15 novembre 2020 - EPPI, secondo acconto rimandato a novembre

Con l'intento di garantire liquidità ai propri iscritti, EPPI ha deliberamento la sospensione di tutti i contributi previdenziali fino al 15 novembre 2020: decadono pertanto gli obblighi relativi ai contributi previdenziali già fissati per il 15 aprile (secondo acconto 2019) e il 30 aprile (saldo 2019). Dal 16 novembre 2020 si potrà dunque procedere con i versamenti relativi a queste scadenze, anche rateizzandoli fino a 12 rate mensili di pari importo, senza interessi di dilazione.

Allo stesso modo, gli addebiti in conto corrente delle rate in scadenza dal 10 aprile sono rinviati al 10 dicembre 2020; viene inoltre sancito il prolungamento di un’ulteriore scadenza rispetto a dicembre 2020 per coloro che hanno saldato la rata del 10 marzo 2020.

Attenzione! Entro il 16 novembre gli iscritti EPPI sono inoltre tenuti a comunicare i redditi del 2019. 

 

2 novembre 2020 - Inarcassa, termine per la resa della dichiarazione online 2019 

Restano ancora pochi giorni a ingegneri e architetti liberi professionisti per presentare nei termini la dichiarazione 2019. Per dubbi nella compilazione è possibile ricorrere agli help online disponibili su ogni voce dell’applicativo oppure contattare il numero dedicato all'assistenza 02 91979705, dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 18. Il MAV del conguaglio annuale, se dovuto, va generato alla fine della procedura; gli iscritti regolari possono richiederne la ratezione compilando i campi preposti della dichiarazione oppure tramite l'apposita funzione entro il 30 novembre.

 

Potrebbe interessarti anche

Le Miniguide di Pensioni&Lavoro

Dalla teoria... alla pratica! Vademecum, consigli pratici e tutte le informazioni utili per affrontare la burocrazia che ruota intorno a lavoro, previdenza e assicurazioni private