Scadenze previdenziali di luglio, tutte le date da ricordare

Adempimenti previdenziali per lavoratori dipendenti, autonomi, liberi professionisti... ma non solo: il calendario con tutte le scadenze 2019 da segnare in agenda, mese dopo mese

 

31 luglio 2019 - Cassa Forense, autoliquidazione contributi per l'anno 2018

Fissato per la fine del mese di luglio il pagamento della prima rata dei contributi obbligatori soggettivo e integrativo dovuti in autoliquidazione per l'anno 2018 (mod. 5/2019). Si ricorda che eventuali omissioni o ritardi saranno sanzionati.

 

31 luglio 2019 - EPAP, comunicazione annua del reddito professionale 

Scadenza fissata al 31 luglio per la comunicazione annua del reddito professionale degli iscritti EPAP, essenziale per mantenere adeguatamente aggiornata la posizione contributiva degli iscritti: per rendere la procedura più veloce, l’Ente permette di inviare il modello reddituale in via telematica, attraverso l’accesso all’area riservata del sito.

 


10 luglio 2019 - Versamento dei contributi (secondo semestre) per i lavoratori domestici 

Dall'1 al 10 luglio 2019 è possibile pagare i contributi del secondo trimestre 2019 dei lavoratori domestici. Per ulteriori specifiche sulle modalità di pagamento, si rimanda al sito INPS

 

1 luglio 2019 - Quattordicesima mensilità in arrivo per i pensionati

Sarà corrisposta insieme alla rata di luglio la quattordicesima mensilità ai pensionati che ne hanno diritto. Per tutte le gestioni, il pagamento sarà effettuato d’ufficio dall’INPS sulla base dei redditi degli anni precedenti (salvo casi peculiari) e senza presentare alcuna domanda: in particolare, la rata pensionistica insieme alla quale la quattordicesima è corrisposta è quella di luglio nel caso in cui i requisiti siano maturati entro il 31 luglio dell’anno di riferimento; la corresponsione viene invece effettuata nel mese di dicembre laddove i requisiti vengano maturati successivamente. 

 

1 luglio 2019 - Nuovi limiti reddituali per gli assegni al nucleo familiare (ANF)

Novità in arrivo per gli assegni al nucleo familiare INPS: con la circolare 66/2019, l'Istituto ha infatti diffuso le tabelle con importi e limiti reddituali validi nel periodo compreso tra l'1 luglio 2019 e il 30 giugno 2020. In particolare, sulla base della variazione percentuale dell’indice dei prezzi al consumo calcolata dall’Istat tra l’anno 2017 e l’anno 2018, i nuovi livelli reddituali e i corrispondenti importi mensili sono rivalutati dell'1,1%. 

 

30 giugno 2019 -  Saldo 2018 e acconto 2019 per gli autonomi INPS

Tempo di versamenti ai fini contributivi per lavoratori autonomi e titolari di partita IVA iscritti alla Gestione separata INPS: previsto infatti entro il 30 giugno - termine nei fatti prorogato al lunedì successivo poiché il 30 giugno cade di domenica - il versamento del saldo dei contributi 2018 e il primo acconto di quelli per l'anno in corso. Il versamento può in realtà essere eseguito fino al 20 agosto, ma in questo caso scatterà una maggiorazione dello 0,40%.

 

30 giugno 2019 -  Primo appuntamento dell'anno con la contribuzione INARCASSA

Come ricorda anche il sito INARCASSA, è dovuta entro il 30 giugno la prima rata dei contributi minimi soggettivo e integrativo e il contributo di maternità per l'anno in corso; la seconda rata, di pari importo, dovrà essere corrisposta entro il 30 settembre. Possibile in ogni caso anche la rateizzazione in 6 tranches, sempre di eguale misura, dell'importo dovuto. 

 

30 giugno 2019 -  Terza rata del contributo minimo soggettivo dovuto a Cassa Forense 

Fissato entro domenica 30 giugno (scadenza di fatto prorogata al successivo 1 luglio) il termine per il pagamento della terza rata del contributo minimo soggettivo obbligatorio dovuto nel 2019. La scadenza della quarta e ultima rata è stabilita per il prossimo 30 settembre.

 

30 giugno 2019 - Versamenti volontari, dovuta la rata riferita al primo trimestre 2019

Va in scadenza con la fine del mese di giugno il termine per il pagamento della contribuzione volontaria relativa al primo trimestre del 2019 (gennaio-febbraio-marzo). Poiché il termine cade di domenica, la scadenza è automaticamente prorogata a lunedì 1 luglio. 

 

30 giugno 2019 - ENPAB, dovuti i contributi minimi

Fa seguito al termine del 30 aprile, la scadenza fissata al 30 giugno per la contribuzione previdenziale obbligatoria (i cosiddetti "contributi minimi") degli iscritti ENPAB. Si ricorda che l'Ente prevede anche la possibilità di rateizzazione, a condizione che l'iscritto sia in regola con tutti i pagamenti e con la presentazione della dichiarazione reddituale obbligatoria e previa presentazione della domanda a mezzo dell'apposito modulo


17 giugno 2019 - ENPACL, dovuto il contributo minimo soggettivo

Secondo appuntamento alla cassa per iscritti ENPACL alle prese con il contributo minimo soggettivo dovuto nel 2019. Il contributo può essere infatti corrisposto in quattro rate: già dovuta quella in scadenza il 16 aprile, le successive sono fissate invece al 16 settembre e al 18 novembre. 

 

1 giugno 2019 - INPS, da giugno il "taglio" delle cosiddette pensioni d'oro

Come reso noto dall'INPS, scatterà con la rata di giugno la rideterminazione dei trattamenti pensionistici superiori a 100mila euro lordi su basa annua. Il "ricalcolo" sarà realizzato tenendo conto delle seguenti percentuali progressive: 

  • 15% per la parte eccedente l’importo di 100mila euro e fino a 130mila euro;
  • 25% per la parte eccedente 130mila e fino a 200mila euro;
  • 30% per la parte eccedente 200mila e fino a 350mila euro;
  • 35% per la parte eccedente 350mila e fino a 500mila euro;
  • 40% per la parte eccedente 500mila euro.

La riduzione si applica alle sole pensioni dirette liquidate con il metodo di calcolo retributivo o misto e in proporzione agli importi dei trattamenti pensionistici, ferma restando la cosiddetta “clausola di salvaguardia” (il che significa che, per effetto dell’applicazione della riduzione l’importo complessivo dei trattamenti pensionistici diretti non può comunque essere inferiore a 100 euro lordi su base annua). Sono poi esclusi, i trattamenti pensionistici riconosciuti ai superstiti, le prestazioni di invalidità e le pensioni corrisposte a favore delle vittime del dovere o di azioni terroristiche (legge 466/1980 e legge 206/2004). 

Sempre a decorrere dall'assegno di giugno prevista inoltre la prima delle tre rate mensili dovute come conguaglio per il periodo compreso tra l'1 gennaio e il 31 maggio 2019. 

 

1 giugno 2019 - Conguaglio perequazione 2019 in arrivo con la rata di giugno

Sarà recuperata con la rata pensionistica di giugno la differenza sulla perequazione relativa al primo trimestre dell'anno (gennaio - marzo 2019), nel corso del quale sono stati ancora temporaneamente applicati per la perequazione automatica i criteri di calcolo antecendenti all'approvazione dell'ultima Legge di Bilancio. Si ricorda che il nuovo meccanismo di indicizzazione è pienamente in vigore, per le pensioni interessate, dallo scorso mese di aprile. 

 

31 maggio 2019 - Adempimenti contributivi in vista anche per dottori commercialisti

Entro la fine del mese di maggio sono chiamati al versamento dei contributi per il 2019 anche i dottori commercialisti: fissato in particolare al 31 maggio il termine per il versamento della prima/unica rata dovuta per i contributi soggettivo e integrativo. Per quanti opteranno per il pagamento rateale da appuntare sul calendario anche la data del 31 ottobre, quando dovrà essere corrisposto (in soluzione unica) anche il contributo di maternità. 

 

31 maggio 2019 - Veterinari, attenzione alle scadenze per i contributi minimi 2019 

Come comunicato da ENPAV, è il 31 maggio la prima data da segnare in agenda per i veterinari che hanno scelto di versare i contributi minimi dovuti per il 2019 in 2 o 4 rate. I bollettini per il pagamento sono disponibili dallo scorso mese di marzo sul sito dell'ente: è richiesto l'accesso alla propria area personale (sezione Pagamento Contributi – Elenco bollettini M.Av.). 

 

16 maggio 2019 - Versamento dei contributi INPS per artigiani e commercianti 

Scade giovedì 16 maggio il termine utile al versamento dei contributi minimi per la pensione di artigiani e commercianti. Le 3 successive rate relative ai contributi dovuti sul minimale del reddito dovranno invece essere corrisposte, sempre mediante i modelli di pagamento unificato F24, entro il 20 agosto (seconda rata), il 18 novembre (terza rata) e il 17 febbraio 2019 (quarta e ultima rata). 

 

5 maggio  2019 - Contributi EPAP, gli adempimenti relativi al primo acconto

Era dovuto entro lo scorso 5 aprile il primo acconto corrispondente al 30% dei contributi calcolati in base all'ultimo reddito autocertificato: agli iscritti che avessero optato in quell'occasione per il pagamento rateale si ricorda come nuova scadenza il 5 maggio per il versamento della seconda e ultima tranche

 

30 aprile 2019 - Dovuti i contributi minimi all'ENPAM 

Sono 4 le rate previste per il pagamento dei contributi minimi dovuto dagli scritti all'ENPAM per il 2019: la scadenza del primo versamento è prevista per il 30 aprile; le successive sono invece fissate al 30 giugno, 30 settembre e 30 novembre dell'anno in corso. Possibile, sempre entro il 30 aprile, anche il versamento dell'intero importo in unica soluzione. 

 

30 aprile 2019 - Al via la riscossione dei contributi ENPAF

Avviata anche per il 2019 la procedura di riscossione della contribuzione previdenziale e assistenziale obbligatoria, a proposito della quale l'ENPAF rende noto che verranno trasmessi, salvo eccezioni, tre bollettini bancari con scadenza rispettivamente: 30 aprile; 31 maggio e 31 luglio. Per gli iscritti che versano il solo contributo di solidarietà (unitamente alla quota di assistenza e di maternità) si prevede, invece, l’invio di un solo bollettino bancario con scadenza 30 aprile.

 

30 aprile 2019 - ENPAB, primo termine utile per il versamento dei contributi minimi

Come già per lo scorso anno, ENPAB ricorda che deve essere versata con termini stabiliti al 30 aprile e al 30 giugno la contribuzione previdenziale obbligatoria (i cosiddetti "contributi minimi") dovuta dagli iscritti. Possibile la rateizzazione, a condizione che l'iscritto sia in regola con tutti i pagamenti e con la presentazione della dichiarazione reddituale obbligatoria e previa presentazione della domanda a mezzo dell'apposito modulo

 

30 aprile 2019 - Cassa Forense, dovuta la seconda rata del contributo minimo soggettivo obbligatorio 2019

Prevista per martedì 30 aprile la scadenza relativa al pagamento della seconda rata del contributo minimo soggettivo obbligatorio dovuto nel 2019. La scandenze delle due successive rate previste per i contributi minimini previdenziali dovuti dagli iscritti a Cassa Forense sono fissate per il 30 giugno (1 luglio) e il 30 settembre.

 

16 aprile  2019 - Contributi obbligatori Consulenti del Lavoro per il 2019: dovuto il contributo minimo soggettivo

Viene fissato nella misura di 2.112 euro (correlato ad un reddito minimo pari a 17.602 euro) il contributo minimo soggettivo dovuto nel 2019 dagli iscritti ENPACL. Il contributo potrà essere corrisposto in quattro rate: le scadenze successive al 16 aprile sono previste per il 17 giugno, 16 settembre e 18 novembre. 

 

15 aprile  2019 - EPPI, seconda rata di acconto sui contributi 2018

Lasciato alle spalle il primo acconto da corrispondere entro il 17 dicembre 2018, è tempo di secondo acconto per i contributi 2018 degli iscritti EPPI: la scadenza è prevista per il 15 aprile 2019, mentre il saldo sarà da corrispondere entro il 30 settembre 2019. 

 

10 aprile  2019 - Lavoratori domestici, dovuti i contributi per il primo trimestre 2019 

Appuntamento alla cassa INPS anche per i datori di lavoro domestico, chiamati entro mercoledì 10 aprile a pagare i contributi dovuti per il primo trimestre dell'anno in corso. 

 

5 aprile  2019 - Contributi EPAP, gli adempimenti relativi al primo acconto

A partire dal 2018, sono in vigore nuove scadenze contributive per gli iscritti EPAP: dovuta dunque entro il 5 aprile il primo acconto corrispondente al 30% dei contributi calcolati in base all'ultimo reddito autocertificato. È comunque lasciata facoltà degli iscritti di optare per ognuna delle scadenze previste al pagamento in unica soluzione entro la data indicata o, alternativamente, su due rate di pari importo (senza oneri o interessi). In quest'ultimo caso, viene confermato il 5 aprile come termine per il pagamento della prima rata, mentre è stabilito il 5 maggio come termine per la scadenza. 

 

1 aprile  2019 - Certificazione Unica 2019, in consegna entro il primo aprile

Per datori di lavoro e sostituti d'imposta la data da fissare in calendario è eccezionalmente quella dell'1 aprile (il 31 marzo cade infatti di domenica): entro questo termine, dovrà essere infatti consegnata ai propri dipendenti e collaboratori (o pensionati, nel caso dell'ente pensionistico di riferimento) la Certificazione Unica 2019 relativa ai redditi del periodo d'imposta 2018. 

 

1 aprile 2019 - Rivalutazione annuale delle pensioni: al via il nuovo meccanismo

Come comunicato dall'INPS con la circolare 44/2019, scatterà a partire dalla rata di aprile l'operatività del nuovo meccanismo di indicizzazione delle pensioni introdotto dalla Legge di Bilancio per il 2019. 

 

31 marzo 2019 - Ultima chiamata alla cassa INPS per i versamenti volontari 2018

Scadenza fissata alla fine del mese di marzo per il versamento dei contributi volontari: dovuta in particolare entro il 31/3 la quota riferita all'ultimo trimestre del 2018 (ottobre-dicembre). Il primo termine per il 2019 (riferito al periodo gennaio-marzo) è invece previsto per il 30 giugno. 

 

31 marzo 2019 - Veterinari, rateizzazione dei contributi minimi 2019

Come comunicato da ENPAV, a partire dalla prima settimana di marzo saranno disponibili sul sito ENPAV (area personale) i bollettini per il pagamento dei contributi minimi 2019: per chi ha scelto la rateazione in 8 diverse soluzioni la prima scadenza per il pagamento è fissata per il 31 marzo, mentre per chi ha scelto 4 rate o 2 rate la prima scadenza utile sarà il 31 maggio.

 

6 marzo 2019 - Debutta il reddito di cittadinanza: possibile inoltrare le domande

Dal 6 marzo sarà possibile presentare la domanda per il reddito (e la pensione) di cittadinanza, quest'ultima rivolta ai soli nuclei familiari composti esclusivamente da over 67. Il beneficio potrà essere richiesto, dopo il quinto giorno di ciascun mese: presso gli uffici delle Poste Italiane; in modalità telematica, con il Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID), accedendo al portale dedicato www.redditodicittadinanza.gov.it; presso i Centri autorizzati di Assistenza Fiscale (CAF). Richiesta, oltre alla compilazione dei moduli apposti, la pregressa presentazione della Dichiarazione sostitutiva unica (Dsu) ai fini ISEE, cui l'INPS associerà la domanda e attraverso cui l'Istituto verificherà la sussistenza dei requisiti economico/reddituali richiesti. 

 

Potrebbe interessarti anche

Le Miniguide di Pensioni&Lavoro

Dalla teoria... alla pratica! Vademecum, consigli pratici e tutte le informazioni utili per affrontare la burocrazia che ruota intorno a lavoro, previdenza e assicurazioni private