Le diverse forme di previdenza complementare a confronto: i fondi pensione aperti

A quali lavoratori (e non solo) si rivolgono? Il versamento del TFR è obbligatorio? Le risposte ai dubbi più comuni sui fondi pensione aperti 

I fondi pensione aperti sono istituiti da banche, società di intermediazione mobiliare, società di gestione del risparmio e assicurazioni sotto forma di patrimonio separato e autonomo rispetto a quello della società che li istituisce.

Sono quindi destinati unicamente al pagamento delle prestazioni agli iscritti e non possono essere utilizzati per soddisfare i diritti vantati dai creditori della società in caso di fallimento di quest’ultima. L’attività del Fondo pensione è a ogni modo disciplinata nel dettaglio dal Regolamento che definisce gli elementi identificativi del Fondo,  le caratteristiche (l’importo dei contributi, il metodo di calcolo delle prestazioni – a contribuzione definita – le politiche di investimento, le spese per la partecipazione a carico dei destinatari), i profili organizzativi (il Responsabile del Fondo pensione e la struttura amministrativa), i rapporti con gli aderenti (modalità di adesione, le informazioni da fornire agli iscritti).

Come suggerisce il termine “aperti”, a questo tipo di fondo può iscriversi chiunque intenda costruirsi una rendita integrativa della pensione pubblica. L’adesione è volontaria e prescinde dalla propria situazione lavorativa (lavoratore dipendente o autonomo, libero professionista). Non solo, si può aderire anche se al momento non si svolge alcuna attività professionale.

In particolare, il lavoratore dipendente privato può aderire al Fondo aperto sia su base individuale (adesione individuale) che su base collettiva (adesione collettiva) per gli appartenenti ad una azienda secondo quanto stabilito dai contratti di lavoro, dagli accordi o dai regolamenti aziendali. Come per i fondi negoziali, l’adesione su base collettiva può avvenire anche in forma "tacita". Diversamente, i lavoratori dipendenti pubblici possono aderire a un Fondo pensione aperto unicamente su base individuale, così come pure i lavoratori autonomi o liberi professionisti.  Infine, è possibile iscrivere i familiari a carico qualora il Regolamento lo preveda, anche quando non si è iscritti a propria volta.

 

Cosa succede al TFR?

In caso di adesione individuale il versamento del TFR da parte dell’iscritto non è obbligatorio, come non lo è il contributo aggiuntivo da parte dell'azienda, in assenza di accordi o regolamenti aziendali che prevedano il contrario.

 

Potrebbe interessarti anche

Nel 2019 brilla la stella della previdenza complementare

Nonostante il momento difficile per la diffusione della pandemia di COVID-19, i dati relativi all’andamento delle diverse forme di previdenza integrativa diffusi nell’ultima relazione COVIP restituiscono un quadro particolarmente brillante per l'anno passato

Fondi pensione e aderente tipo, un ritratto

Un’analisi delle caratteristiche principali dell’aderente “tipo” dei fondi pensione per capire se corrisponde al profilo dei soggetti più bisognosi di previdenza complementare

Storia dei fondi pensione: strumento di equità e democrazia

La previdenza complementare ha alle spalle una storia più lunga di quanto si possa immaginare: se già l'imperatore Augusto aveva compreso l'importanza di un sistema di supporto per la retribuzione dei suoi veterani a fine carriera, la svolta nel nostro Paese - da sempre pioniere in ambito pensionistico - si è compiuta nel 1993 con la nascita dei fondi pensione così come li conosciamo oggi