La Gestione Separata: quando e come iscriversi

Cos'è e come funziona la Gestione Separata? Chi ha obbligo di iscriversi, come e quando procedere? 

La “gestione separata” è una tra le diverse gestioni previdenziali amministrate dall’INPS. Poiché istituita dopo la riforma Dini del 1995, ha come modalità di calcolo di riferimento il sistema contributivo: l’entità delle pensioni degli iscritti dipenderà cioè dai contributi effettivamente versati dal lavoratore.

Scopo della riforma pensionistica era, fra gli altri, quello di assicurare la tutela previdenziale anche a categorie di lavoratori fino a quel momento escluse; di qui, la nascita di un fondo pensionistico destinato innanzitutto ai liberi professionisti per i quali non fosse prevista una Cassa o comunque impossibilitati a iscriversi per regolamento e alle forme di collaborazione coordinata e continuativa non diversamente regolamentate. Successive disposizioni normative hanno ampliato la platea degli iscritti. 

A oggi, si devono iscrivere obbligatoriamente alla Gestione Separata i professionisti senza Albo, le partite IVA, tutti coloro che lavorano come collaboratori coordinati e continuativi (co.co.co), i lavoratori a progetto, gli autonomi occasionali (per redditi superiori ai 5.000 euro), gli associati in partecipazione e i fruitori del “buono lavoro” o "voucher lavoro". Inoltre, sono iscritti anche i soci, gli amministratori e i componenti degli organi di controllo delle società di persone e di capitale.

Devono poi iscriversi anche i pensionati che svolgono una delle attività sopra indicate con una contribuzione più bassa rispetto ai non pensionati. Rientrano infine nella Gestione Separata anche i venditori a domicilio (con reddito superiore ai 5.000 euro), gli spedizionieri doganali non dipendenti (dal gennaio 1998), gli assegnisti di ricerca, i beneficiari di borse di studio per la frequenza ai corsi di dottorato di ricerca, i medici con contratto di formazione specialistica e i volontari di Servizio Civile Nazionale (avviati dal 2006 al 2008). 

 

Quando e come iscriversi? 

L’iscrizione alla Gestione Separata avviene a cura dei lavoratori interessati (salvo che nel caso del lavoro accessorio) mediante compilazione di un'apposita domanda e deve essere di norma richiesta entro un mese dall'inizio dell'attività. Il modulo di domanda può essere consegnato attraverso uno dei seguenti canali:

  • web, avvalendosi dei servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino tramite PIN attraverso il portale dell’Istituto (www.inps.it);
  • via telefono, contattando il Contact Center Multicanale al numero verde 803164; in alternativa, èpossibile usare il numero 06-164164, a pagamento secondo le tariffe predisposte dal proprio gestore telefonico 
  • patronati e tutti gli intermediari dell’Istituto, usufruendo dei serviti telematici offerti dagli stessi. 
 

Potrebbe interessarti anche

Burocrazia, miniguide alla pensione

Miniguide alla pensione

Requisiti, tempi, costi e altre info utili: tutto quello che serve sapere per affrontare burocrazia e pratiche previdenziali 

La Busta Arancione

Due strumenti di calcolo in uno: vuoi sapere a quanto ammonteranno la tua pensione pubblica e integrativa? Prova la Busta Arancione di Pensioni&Lavoro, semplice e a prova di clic!