Risparmiare e investire sì... ma con molta "educazione"

Per decidere come gestire i propri soldi è essenziale conoscere sé stessi, le proprie esigenze ma anche e soprattutto come valutare i molti strumenti di risparmio e investimenti oggi offerti dal mercato

Gestire il proprio denaro è una sfida tutt’altro che semplice o banale. Se è quasi scontato affermare che, avendone le possibilità, sarebbe più saggio non cedere a qualsiasi desiderio e provare ad accantonare qualche somma, non lo è altrettanto capire come fare. O, ancora, scegliere tra i tanti possibili momenti significativi della propria vita cui destinare le proprie risorse: dalla nascita di un figlio al raggiungimento della pensione, passando ad esempio per l’acquisito di un’automobile o di una casa.

Eppure, si tratta di un’attività con la quale chiunque quotidianamente, talvolta senza neppure rendersene conto, è chiamato a confrontarsi. Di qui, l’importanza di acquisire tutte le competenze necessarie a diventare più consapevoli delle proprie disponibilità economiche, a distinguere tra bisogni e desideri, a riconoscere le proprie priorità future e a scegliere gli strumenti più adatti per soddisfarle, così come gli intermediari cui rivolgersi per chiarimenti o soluzioni di risparmio/investimento più complesse da gestire. In poche parole, tutte le nozioni di base utili a pianificazione delle proprie finanze il più possibile accorta e informata.

Nell’ottica di promuovere la cultura della previdenza intesa nella sua accezione più ampia come attitudine a 360 gradi a tutelarsi da rischi futuri, la sezione Wikirisparmio di Pensioni&Lavoro nasce allora proprio con l’obiettivo di affiancare i (piccoli) risparmiatori italiani nelle proprie scelte economiche-finanziarie. Non offrendo “ricette” di sicuro successo, di per sé impossibili da realizzare (e ancor di più senza conoscere lo specifico caso di riferimento), ma proponendo schede informative che aiutino a familiarizzare con i principali strumenti di risparmio e investimento presenti sul mercato e, ancora prima, con il lessico finanziario e le buone pratiche da seguire per affrontare serenamente le diverse scelte da compiere.

 

Potrebbe interessarti anche

Quattro falsi miti da sfatare sulla previdenza complementare (1)

Ci si interroga spesso su quali possano essere le motivazioni che ancora frenano il completo decollo della previdenza integrativa in Italia: fra queste anche alcune false credenze che può essere utile confutare per diffondere informazioni il più possibili corrette, soprattutto tra i più giovani

Gli italiani tra risparmio e investimento: c'è ancora tanta strada da fare

Nonostante il trend degli ultimi anni sia positivo, i numeri dimostrano come la relazione tra italiani ed educazione finanziaria (e previdenziale) abbia ancora ampi margini di miglioramento: emerge in particolare la necessità di aumentare la quota di risparmio destinata all'investimento di lungo periodo

Quattro falsi miti da sfatare sulla previdenza complementare (2)

Tra le diverse motivazioni che ancora oggi ostacolano il definitivo decollo delle adesioni alla previdenza complementare, soprattutto tra i più giovani, ci sono alcuni falsi miti da sfatare: la scarsa convenienza fiscale dei fondi pensione è decisamente tra questi