Che cosa significa risparmiare? Dal risparmio all'investimento

Risparmiare vuol dire guardare oltre e pensare alle proprie finanze con attenzione verso il futuro: un’attività che si può concretizzare in varie forme e modalità, tra cui quella dell’investimento 

Per definizione, il risparmio è quella parte di reddito che non viene immediatamente consumata: nel caso di un singolo individuo o di una famiglia, si tratta cioè di quella quota della propria pensione, del proprio stipendio (o di qualunque altra fonte di rendita più o meno continuativa) che non viene subito destinata all’acquisto di beni o servizi, ma semmai accantonata per il soddisfacimento di bisogni futuri, che siano di breve o lungo periodo.                                      

Premesso quindi che ha in ogni caso natura residuale - reddito meno consumi - parlare di (buone pratiche) di risparmio in termini assoluti e universali è estremamente difficile, perché la “rinuncia” a consumare una parte del proprio reddito può:

  • assumere diverse entità, che dipenderanno ovviamente tanto dal reddito quanto dai consumi del risparmiatore;
  • avere vari obiettivi, che possono ad esempio spaziare dalla volontà di far fronte a imprevisti futuri (perdita del lavoro, non autosufficienza, etc) a quella di fronteggiare in maniera previdente eventi più facilmente ipotizzabili o comunque certi (diminuzione delle disponibilità economiche in caso di pensione, morte etc), passando per la possibilità di poter consumare più di quanto il proprio reddito non garantirebbe in un determinato momento della propria vita (acquisto di un automobile, etc).
  • essere condotta con differenti modalità (ad esempio, strumenti bancari e assicurativi, finanziari e previdenziali, etc), più o meno adatte alle proprie specifiche esigenze per rischi, costi, finalità, soggetti intermediari coinvolti, e così via.

In tutti i casi, però, una precisazione si rende doverosa: benché siano utilizzati spesso come sinonimi e facciano in effetti riferimento ad attività fortemente interconnesse tra loro, risparmio e investimento non sono la stessa cosa. Di per sé, infatti, risparmiare significa non consumare immediatamente e accantonare una parte del proprio reddito tipicamente (ma non necessariamente) in moneta - a prescindere dalla finalità specifica che se ne intende fare, ma in generale con la prospettiva di averne un qualche beneficio in un momento futuro. Un atto previdente per sua stessa natura, perché implica il dover rinunciare a qualche desiderio presente per ritrovarsi in seguito a godere di maggiori tranquillità e libertà.

Investire, invece, significa tendere a un obiettivo più preciso, vale a dire il mantenere inalterato o veder crescere di misura il proprio capitale nel tempo, sottoponendosi tuttavia al contempo anche al rischio che non solo questo incremento possa non verificarsi ma che, addirittura, le somme inizialmente stanziate possano perdere (o vedere addirittura azzerato) il proprio valore. Ecco perché, semplificando, si può dunque affermare che l’investimento è una possibile destinazione del risparmio, ma non l’unica destinazione possibile. Per quanto a propria volta non esente da rischi (basti pensare all’eventualità di incidenti domestici, furti o a appunto alla più ovvia della perdita di potere d’acquisto del denaro nel tempo a causa dell’inflazione), tenere i soldi sotto il materasso è ad esempio una forma di risparmio, ma non certo di investimento!

Vien allora da sé che conoscere la differenza tra risparmio e investimento è una delle premesse fondamentali per un’accorta gestione delle proprie finanze e, soprattutto, per prendere decisioni e selezionare strumenti effettivamente in linea con le proprie possibilità economiche e i propri obiettivi, ma in ogni caso non privi di incognite di cui tenere conto. Ed è sempre questa la ragione per la quale, quando si parla di risparmio (o investimento), diventa impossibile esprimersi in termini assoluti o fornire suggerimenti validi in ogni occasione e per qualunque tipologia di risparmiatore, ancor di più all’interno di un mercato sempre più dinamico, ampio e complesso: ogni strategia deve essere formulata a partire dal singolo caso concreto, tenendo conto del peculiare rapporto rischio/beneficio che i diversi strumenti possono garantire in funzione del singolo profilo e dell’obiettivo, di breve o più lungo periodo, che ci si prefigge di raggiungere.

 

Potrebbe interessarti anche

Le assicurazioni private: conoscere e orientarsi nel mondo assicurativo

Rischi e bisogni, come tutelarsi da incognite future? Per districarsi tra regole e burocrazia, nasce Wikiassicurazioni, contenuti studiati da professionisti del settore, ma volutamente privi di tecnicismi, per offrire al grande pubblico strumenti utili a rapportarsi in modo semplice e consapevole con le assicurazioni private

Italiani, risparmiatori davvero poco previdenti

Pur ritenendosi grandi risparmiatori, gli italiani si confermano investitori spesso poco previdenti: cosa emerge confrontandone le abitudini finanziarie con quelle del resto d'Europa e del mondo?  

Italia, formica con i risparmi e cicala con i conti pubblici

Secondo l’ultima indagine Banca d’Italia-Istat a fine 2017 la ricchezza netta delle famiglie italiane sfiorava i 10mila miliardi di euro, 8 volte il loro reddito disponibile. Nello stesso periodo il debito pubblico raggiungeva la cifra monstre di 2.300 miliardi di euro. L’analisi di una tra le più grandi contraddizioni del nostro Paese