Risparmio e investimento: l'importanza dell'orizzonte temporale

Quando si parla di risparmiare o di investire è essenziale la coerenza con i propri obiettivi, ancor di più se in gioco c'è il fattore tempo: cos'è e come si definisce l'orizzonte temporale

Come già visto, il “fattore tempo” è una delle principali variabili da considerare quando si decide se e come risparmiare (oppure investire) i propri risparmi. E, non a caso allora, uno dei concetti chiave per un’accorta pianificazione delle proprie finanze è quello di "orizzonte temporale", dove l’orizzonte temporale è per definizione il periodo di tempo, più o meno esteso, nel corso del quale il risparmiatore o investitore è disposto a rinunciare alle - o a parte delle - proprie disponibilità finanziarie, così da poterne poi disporre in un periodo successivo, anch’esso a propria volta proiettato in un momento futuro più o meno prossimo. 

Un parametro dunque estremamente soggettivo. La sua definizione dipenderà infatti da una serie di complesse valutazioni, che non possono prescindere dalla specificità della situazione personale (anagrafica, familiare, economica, lavorativa, etc) di ciascun risparmiatore o investitore. Per prima cosa, l’orizzonte temporale dipenderà infatti dall’esigenza – di più breve o lungo periodo - che si punta a soddisfare mediante i propri risparmi. Altri fattori che possono incidere sulla sua determinazione sono poi, ad esempio, l’età, le risorse disponibili (vale a dire l’effettiva entità di risparmi accumulati, cui si aggiunge anche l’eventuale disponibilità di entrate correnti) e dunque la propensione al rischio, che potremmo definire come il “livello di pazienza” di quanti decidono in particolar modo di percorrere la strada dell'investimento nel sopportare non solo che i propri risparmi siano sottratti alla propria immediata disponibilità, ma siano persino lasciati “in balia” delle oscillazioni  dei mercati finanziari. 

Pur nell’impossibilità di stabilire confini netti, l’orizzonte temporale viene generalmente valutato come di brevissimo periodo quando la sua durata si colloca intorno ai 12-18 mesi, breve quando tocca al massimo i 3-4 anni, mentre è lungo quando si colloca tra i 5 e i 10 anni. Naturalmente, è possibile che la “bontà” di una scelta di risparmio o investimento venga proiettata e valutata anche su archi temporali ancora più lunghi (si pensi ad esempio al risparmio previdenziale): in questo caso, si parlerà di orizzonte temporale di lunghissimo periodo. 

Attenzione! Definire il proprio orizzonte temporale è fondamentale per scegliere la modalità di risparmio - o di investimento - più adatte alle proprie esigenze. A necessità differenti corrispondono infatti molti strumenti alternativi, che differiscono tra loro per caratteristiche, finalità, rischi, costi, intermediari di riferimento, e così via. Di per sé, però, la scelta dell’orizzonte temporale non è definitiva o stringente. In linea di massima, pur con schemi e soluzioni che, ancora una volta, dipenderanno dalla soluzione effettivamente scelta (possono essere ad esempio previste delle penali), è infatti di solito possibile ridefinire le proprie necessità davanti a delle mutate esigenze, ad esempio individuali o familiari.  In altre parole, l’orizzonte temporale non è un vincolo dato una volta per tutte, ma casomai l’arco temporale sulla base del quale viene calibrato il proprio piano di risparmio o investimento e sulla base del quale andrebbe valutata anche l’effettiva efficacia della propria strategia. Ed ecco perché cambiare i propri piani strada facendo è un’opzione nella maggior parte dei casi sì possibile sul piano teorico, ma – come vedremo meglio in seguito con qualche caso pratico - nella maggior parte delle eventualità poco indicata o redditizia su quello pratico, quando frutto di cambi di programma estemporanei o irrazionali piuttosto che di un reale processo di evoluzione della propria strategia di partenza (o di rinnovate esigenze di risparmio o investimento da soddisfare). 

 

Qualche esempio: diversi orizzonti temporali, diverse soluzioni e finalità! 

Caratteristica principale dell’orizzonte temporale di breve periodo è un lasso di tempo piuttosto ridotto e, quindi, solitamente non sufficiente a recuperare eventuali perdite, anche quando derivanti dalle normali oscillazioni dei mercati finanziari. A prescindere dall’età anagrafica più o meno avanzata, il breve periodo si associa quindi di consueto a risparmiatori prudenti, che preferiscono proteggere il proprio patrimonio (magari perché destinato a spese vicine nel tempo o a costituire un “tesoretto” utile ad affrontare eventuali imprevisti) piuttosto che rischiare e provare ad accrescere il capitale di partenza mendiante soluzioni di investimento più o meno rischiose. In altre parole, la priorità è in questi casi non tanto generare rendimenti elevati quanto piuttosto preservare il capitale il quale, peraltro, su lassi temporali così brevi non subisce particolarmente neppure la minaccia di vedersi “eroso” dall’inflazione: questa la principale ragione per la quale  orizzonti temporali brevi vanno tipicamente di pari passo con rischi contenuti.

Al contrario, orizzonti di medio o lungo periodo possono più facilmente (ma non necessariamente e il risparmio ai fini previdenziali ne è una buona controprovaandare a braccetto con profili di rischio più elevati e con la ricerca di rendimenti elevati, pensati per centrare obiettivi di rendimento più ambiziosi e meno prudenti della “semplice” conservazione del capitale. In questi casi cioè il risparmiatore diventa investitore, potendo persino azzardare soluzioni più rischiose: maggiore è il tempo a disposizione maggiore è infatti la probabilità di riuscire a ripianare eventuali perdite ma, ancor di più, per provare a sfruttare a proprio vantaggio la volatilità dei mercati. A patto, ovviamente, di saper accettare anche performance negative e restare coerenti con i piani iniziali.

Un “errore” piuttosto frequente tra i piccoli investitori è infatti quello di ricercare rendimenti elevati scegliendo soluzioni ad alto rischio, salvo poi decidere di cambiare rotta ai primi segnali di tensione da parte dei mercati: un perfetto esempio di come cambiare idea circa il proprio orizzonte temporale di investimento sia un’eventualità per l’appunto sì praticabile, ma non sempre raccomandata o raccomandabile quando non sia tanto frutto di un reale processo di evoluzione della propria strategia (o di rinnovo delle proprie esigenze) quanto piuttosto il risultato di cambi di programma estemporanei o irrazionali. In questi casi, il cambio di piani rischierebbe di concretizzare delle perdite che, viceversa, avrebbero potuto essere del tutto minimizzate, o addirittura volte in positivo, rispettando una strategia in partenza pensata proprio per dare i suoi frutti su un arco temporale più esteso. 

 

Potrebbe interessarti anche

Il TFR conteso tra previdenza complementare, aziende ed economia reale

Il trattamento di fine rapporto rappresenta una delle principali fonti di autofinanziamento soprattutto per le piccole e medie imprese che hanno difficoltà ad accedere al credito bancario; allo stesso tempo è la maggior quota di contribuzione del lavoratore aderente alla previdenza complementare: le due cose sono davvero inconciliabili?