Welfare aziendale: cosa sono e come funzionano i fringe benefit?

I fringe benefit sono tra le principali risorse a disposizione dei datori di lavoro per creare welfare aziendale e incentivare la produttività dei propri dipendenti: ma di cosa si tratta esattamente? E quale il regime di tassazione cui sono sottoposti?

I fringe benefit - letteralmente, dall'inglese, "benefici marginali" -  costituiscono elementi remunerativi complementari alla retribuzione principale e consistono nella concessione in uso di beni e servizi da parte del datore di lavoro a favore dei lavoratori.

A differenza della retribuzione, normalmente pattuita in denaro, essi rappresentano quindi una forma di retribuzione in natura ai sensi della legge. Riferimento normativo per quel che riguarda il welfare aziendale è in particolare l'art. 51, comma 3 del Testo Unico sulle Imposte dei Redditi

"3. Ai fini della determinazione in denaro dei valori di cui al comma 1, compresi quelli dei beni ceduti e dei servizi prestati al coniuge del dipendente o a familiari indicati nell'articolo 12, o il diritto di ottenerli da terzi, si applicano le disposizioni relative alla determinazione del valore normale dei beni e dei servizi contenute nell'articolo 9. Il valore normale dei generi in natura prodotti dall'azienda e ceduti ai dipendenti è determinato in misura pari al prezzo mediamente praticato dalla stessa azienda nelle cessioni al grossista. Non concorre a formare il reddito il valore dei beni ceduti e dei servizi prestati se complessivamente di importo non superiore nel periodo d'imposta a lire 500.000; se il predetto valore è superiore al citato limite, lo stesso concorre interamente a formare il reddito."

Il comma 3 dell’articolo 51 del TUIR stabilisce dunque l’esclusione dalla concorrenza alla formazione del reddito di lavoro dipendente del valore normale dei beni ceduti e dei servizi prestati se, complessivamente, di importo non superiore, nel periodo d’imposta, a 258,23 euro.   Tra i benefici interessati rientrano le auto aziendali a uso promiscuo, i prestiti aziendali, le concessioni di abitazioni in locazione o in comodato d'uso. Se la manovra fiscale 2020 aveva già introdotto ammodernamenti in materia di welfare aziendale intervenendo sulla soglia di non concorrenza al reddito per i buoni pasto (sia cartacei che elettronici), con il cosiddetto "DL Agosto" è stata sperimentata un’ulteriore novità: successivamente all’emanazione del decreto e per tutto il restante periodo d’imposta 2020, la soglia di esenzione fiscale dei fringe benefit è passata da 258,23 a 516,46 euro annui. Il provvedimento è stato successivamente esteso a tutto il 2021 per mezzo della legge di conversione del decreto Sostegni.

Attenzione! Va inoltre precisato che con la circolare n.59/E del 2008 dell'Agenzia delle Entrate sono state ricondotte nell’ambito di applicazione di tale ultima norma le erogazioni in natura sotto forma di beni o servizi o di buoni rappresentativi degli stessi (ad esempio, buoni carburante) di importo non superiore al citato limite.

La normativa riferita al fringe benefit stabilisce  pertanto che il dipendente può quindi usufruire del proprio benefit per acquistare beni e servizi di varia natura, nel limite di spesa di 258,23 euro (allo stato attuale raddoppiato a 516,46 euro per 2020 e 2021). La circolare n.28/E emessa nel 2016 dall'Agenzia delle Entrate specifica inoltre che la soglia di esenzione riguarda le sole erogazioni in natura, con esclusione di quelle in denaro.

In sintesi, il fringe benefit si contraddistingue quindi per le seguenti caratteristiche

Importo massimo - Il fringe benefit non concorre a formare reddito da lavoro se, nel periodo corrente di imposta, non supera l’importo massimo di 258,23 euro, a normativa vigente portato a 516,46 euro per 2020 e 2021. Se la cifra supera il limite previsto, concorre invece per intero a formare il reddito: in altre parole, sarà cioè l’intero importo a essere tassato e non soltanto la parte eccedente i 258,23 euro (516,46 euro per i periodi d’imposta 2020 e 2021); è sempre possibile, comunque, addebitare al dipendente la quota eccedente la soglia (addebito sul netto busta paga, non tassato), così da evitare la tassazione dell’intero importo. 

Valore normale - Il valore del fringe benefit è determinato in misura pari al prezzo di mercato, oppure al prezzo mediamente praticato dall’azienda nelle cessioni al grossista nel caso in cui sia l’azienda stessa a produrre il bene/servizio fornito al dipendente

Regali aziendali - I doni da parte dell’azienda (ad esempio, cesti natalizi, etc.) rientrano nel novero dei fringe benefit. 

 

Potrebbe interessarti anche

COVID-19, welfare aziendale e Legge di Bilancio: un'occasione (quasi) mancata

Malgrado risorse economiche ridotte, la pandemia ha spinto molte realtà italiane, PMI comprese, a sfruttare il welfare aziendale per venire incontro alle necessità dei propri lavoratori in difficoltà: un'opportunità per rafforzarne - e meglio finalizzarne - gli strumenti, non colta dall'ultima Legge di Bilancio

I fringe benefit "raddoppiano": un'opportunità non solo per il welfare aziendale

Portando il limite per la detassazione di beni e servizi ceduti dall'azienda al lavoratore a 516,46 euro (il doppio della quota precedentemente fissata per i fringe benefit), il governo italiano sembra con il "decreto Agosto" aver finalmente riconosciuto il ruolo che il welfare aziendale potrà giocare nella fase post COVID-19

PMI e welfare aziendale, la prova COVID-19 è superata?

Nonostante le difficoltà economiche e risorse verosimilmente più limitate, secondo l'ultimo Rapporto Welfare Index PMI, la crisi COVID-19 ha agito come acceleratore di diffusione e consapevolezza delle potenzialità del welfare aziendale tra le medie e piccole imprese italiane