Il Comparatore dei Fondi

Comparatore dei fondi

Uno strumento utile per orientarsi e conoscere le forme di previdenza complementare: scopri il Comparatore dei Fondi! 

Aderire alla previdenza complementare significa accantonare una parte dei propri risparmi tramite piccoli versamenti durante l’arco della propria vita professionale, così da crearsi una “pensione di scorta” attraverso cui mantenere un adeguato tenore di vita anche dopo il termine dell'attività lavorativa. Le modifiche al sistema pensionistico che si sono susseguite negli ultimi anni pongono in effetti preoccupazioni circa l'adeguatezza dei trattamenti pensionistici pubblici, verosimilmente sempre più bassi e strettamente legati all’ammontare dei contributi versati durante la vita lavorativa. Di qui, l'importanza di guardare a delle possibili alternative per il futuro, come la previdenza integrativa. Come scegliere la soluzione più adeguata alle proprie esigenze?

Il comparatore dei fondi è uno strumento utile per conoscere le diverse tipologie di fondi pensione e le relative linee di investimento disponibili, valutarne i rendimenti ottenuti (pur sapendo che non necessariamente sono si realizzeranno anche in futuro), la volatilità (ossia la regolarità con la quale si verificano i risultati ottenuti nel tempo), il profilo di rischio e altre notizie utili, come ad esempio costi e commissioni. Lo strumento rappresenta un unicum in Italia in quanto consente di mettere a confronto non solo i fondi pensione aperti, ma anche fondi pensione negoziali e PIP (Piani Individuali Pensionistici).

Realizza la tua comparazione!

   

  

Cosa è bene sapere per utilizzare il comparatore -  Per un corretto utilizzo del comparatore dei fondi è bene sapere che esistono tre diverse macro-tipologie di soluzioni di previdenza integrativa, che differiscono per le modalità di istituzione e per le regole di adesione: 

  • fondi pensione negoziali: istituiti dai contratti di lavoro, possono aderirvi i lavoratori che appartengono a una specifica categoria, settore o area geografica ed, eventualmente, i loro familiari; ad esempio per i lavoratori privati del settore metalmeccanico il fondo di riferimento è Cometa, per i chimici Fonchim, e così via; 
  • fondi pensione aperti: vi possono aderire tutti i lavoratori (dipendenti, autonomi o liberi professionisti) ma anche chi non lavora (percettori di redditi diversi o persone fiscalmente a carico); si può aderire sia individualmente sia in modo collettivo (accordi aziendali, di studi professionali o servizi o tra lavoratori appartenenti ad una determinata categoria, come avviene per i fondi negoziali); 
  • piani individuali pensionistici (PIP): sono gestiti mediante contratti di assicurazione sulla vita; solo ad adesione individuale, sono acquistabili da chiunque. 

Fondi pensione (e PIP) offrono diverse alternative per investire i contributi previdenziali, chiamate comparti o linee di investimento generalmente riconducibili alle seguenti categorie: azionarie (prevalenza dell’investimento in azioni), obbligazionarie (prevalenza dell’investimento in obbligazioni), bilanciate (investimento in azioni e in obbligazioni in linea di massima nella stessa percentuale), garantite (offrono garanzia di rendimento minimo o restituzione del capitale).  

Come funziona - Cliccando su uno dei tre bottoni, ad esempio fondi aperti, apparirà l'elenco di tutti i fondi aperti autorizzati; ogni fondo ha in genere più linee di investimento, caratterizzate da un profilo di rischio diverso: ad esempio la linea TFR è molto protettiva (come le linee garantite) e tende a riprodurre il rendimento del TFR (trattamento di fine rapporto per i dipendenti, per approfondimento si può consultare la sezione Wikilavoro). A questo punto si possono comparare i fondi per linee di investimento omogenee (ad esempio le linee obbligazionarie, TFR o bilanciate) oppure anche per linee con diverso profilo rischio rendimento. Utilizzando l'apposita casella, posta a sinistra rispetto alla descrizione dei fondi, e premendo successivamente il pulsante "Compara i Fondi", è possibile mettere a confronto i rendimenti e i grafici di diversi fondi. Il confronto sulla medesima schermata è possibile solo all'interno di ciascuna tipologia (ad esempio su "fondi pensione aperti" o su "fondi negoziali"). Naturalmente si può sempre scegliere di aprire due o più schermate, anche su diverse tipologie, e procedere poi alle comparazioni e, se necessario, alle stampe delle schermate.

 

Potrebbe interessarti anche

Come e perché aderire alla previdenza integrativa?

Con il metodo di calcolo contributivo, la pensione sarà ancora sufficiente? O sarebbe forse meglio iniziare a pensare a una "pensione di scorta"? Tutte le risposte ad alcune delle domande più ricorrenti di quanti si interrogano sulla previdenza complementare