Dalle dimissioni al licenziamento: come gestire la fine del rapporto di lavoro?

Cosa succede quando un rapporto di lavoro si conclude? E, prima ancora, come gestire correttamente la “separazione”? Tutte le informazioni utili su dimissioni, licenziamento, rescissione consensuale e sui trattamenti economici di fine rapporto

Come ogni rapporto, anche quello di lavoro può andare incontro a una conclusione prematura per volontà di una o di entrambe le parti coinvolte. Tre in particolare le possibili modalità di cessazione anticipata di un rapporto di lavoro subordinato:

  • Licenziamento, quando la decisione è presa unilateralmente dall’impresa
  • Dimissioni, quando l’interruzione è volontà unilaterale del dipendente
  • Risoluzione consensuale, nel caso in cui datore di lavoro e lavoratore acconsentano di come accordo a interrompere anticipatamente il proprio rapporto avendo valutato il venir meno della convenienza o del rapporto stesso.

Tre modalità apparentemente piuttosto note, di cui però non sempre dipendenti e datori di lavoro conoscono a sufficienza procedure, norme e tempi. Non tutti sanno ad esempio che anche la risoluzione consensuale prevede che, per obbligo di legge e per evitare che la modalità sia utilizzata per mascherare delle “dimissioni forzate” , il lavoratore sottoscriva la ricevuta di trasmissione della comunicazione di cessazione del rapporto o, ancora, che tutta la documentazione vada comunque trasmessa Direzione Territoriale del Lavoro (DTL), al Centro Servizi per il Lavoro (CSL) della Provincia di competenza o ad altre sedi competenti dai Contratto Collettivo Nazionale (CCNL). O che, in ogni caso, la volontà del lavoratore, cui spettano comunque 7 giorni per revocare la propria decisione, sia accertata come autentica.

Come districarsi quindi tra tempi di preavviso, eventualità indennità o, ancora giuste cause e giustificati motivi, con la sicurezza, da un lato, di rispettare tutti gli adempimenti previsti dalla normativa vigente e, dall’altro, di veder riconosciuti i propri diritti? O, ancora, come stabilire l’entità della propria eventuale buonuscita?

Dimissioni, licenziamenti, gestione di TFR e TFS: per rispondere a ogni possibile dubbio,
consulta la sezione Wikilavoro sulla fine del rapporto di lavoro!
 

Potrebbe interessarti anche

Lavoratori introvabili, quando domanda e offerta di lavoro non si incontrano

Ingegneri elettrotecnici, analisti informatici e saldatori sono solo alcune delle figure professionali richieste dalle imprese italiane ma difficilmente reperibili sul mercato del lavoro. Qualche riflessione sulle possibili ragioni di questo mismatch a partire dagli ultimi dati del Rapporto Excelsior Unioncamere

Sovraistruzione, un lusso che non ci possiamo permettere

L'Istat denuncia che i laureati italiani sono troppo qualificati per i lavori che si trovano a svolgere: un problema che nasce soprattutto dal sistema di istruzione, che investe tempo e risorse per formare profili inadatti al mercato del lavoro italiano

Nuove tecnologie, potere di controllo datoriale e privacy del lavoratore

Pur vietando tuttora il controllo indiscriminato sull'attività dei dipendenti, la normativa che vigila sulla limitazione della privacy in ambito professionale si sta evolvendo di pari passo con le possibilità offerte dall'innovazione della tecnologia: come si restringe dunque il perimetro della riservatezza del lavoratore?